Nuova Monteluce pronta entro fine 2018 | Iniziano i lavori per la Casa della Salute

Nuova Monteluce pronta entro fine 2018 | Iniziano i lavori per la Casa della Salute

Parcheggi e servizi non solo per studenti | Incognita mercato e scommessa abitazioni


La ‘nuova’ Monteluce pronta entro la fine del 2018. Una promessa, quella fatta da Luca Panizzi, fund manager di BNP Paribas, questa mattina di fronte alla stampa durante la visita al ‘fondo’ che un tempo ospitava il vecchio ospedale di Perugia. Da una parte lo studentato collegato alle università e accademia perugine, con l’Adisu e la Regione Umbria come interlocutori principali; dall’altro un progetto di più generale rigenerazione urbana, che vede il quartiere di Monteluce tornare a ricoprire un ruolo importante nel tessuto cittadino, con all’interno spazi commerciali, parcheggi, una casa della salute e unità abitative da commercializzare.

All’incontro di questa mattina erano presenti anche l’Assessore al Bilancio della Regione Umbria, Antonio Bartolini, il prof. Loris Nadotti dell’Università di Perugia, gli Assessori del Comune di Perugia, D. Diego Waguè, Michele Fioroni e Cristina Casaioli, il Commissario Straordinario di A.Di.Su, Luca Ferrucci, il Presidente di Umbria Digitale Scarl, Stefano Bigaroni, la Dr.ssa Giuseppina Bioli, Direttore del Distretto Perugino Umbria 1 e Fabio Pagliaccia, Dirigente di Usl Umbria 1. Assenti invece, nonostante la loro presenza fosse prevista, i due rettori delle università, Franco Moriconi e Giovanni Paciullo.

>>> Nuova Monteluce, 180 posti letto per universitari e spazi per startup

Lo stato dei lavori – Da quando, nel giugno 2012 venne posta la prima pietra del progetto, e dopo l’apertura, nel maggio 2013, della prima corte denominata Corte delle Clarisse, al momento quindi ad essere completata è la parte che si affaccia su piazza Cecilia Coppoli: una palestra, un supermercato, i parcheggi sotterranei, insieme ad un’aula studio e ad una cappella, tuttavia ‘provvisori’, in quanto nel futuro saranno poi integrati con il resto delle strutture. Proprio la scorsa settimana (giovedì per l’esattezza) sono arrivate dagli uffici preposti tutte le autorizzazioni per la costruzione della Casa della Salute: un edificio situato nel mezzo tra la piazza esistente e il resto del fondo (per intenderci dove in questo momento sono in fase di costruzioni gli studentati), che, da progetto, grazie ad un arco, creerà una sorta di ‘cannocchiale’ (così lo ha definito lo stesso Panizzi), che parte dall’arco di ingresso del vecchio ospedale, regalando una sorta di colpo d’occhio all’intero plesso. La Casa della Salute dell’Asl Umbria 1, con un edificio di circa 2.500 mq, dovrebbe essere terminata in 22/24 mesi e ospitare quanto si trova al momento in via XIV Settembre.

>>> Monteluce, il futuro è digitale | Da Regione 208mila euro per coworking e Fab Lab

Come sarà – Ora tocca all’ultima fase dei lavori, il cui completamento è previsto in circa 9/12 mesi di attività. Il cantiere, ha spiegato Panizzi, potrà essere inoltre consegnato in due tranche. La progettazione, si ricorderà, è stata affidata allo studio tedesco Bolles Wilson, vincitore del concorso internazionale di idee e progettista del Piano Attuativo di Recupero. La realizzazione degli interventi è curata dal Consorzio CME che raggruppa diverse imprese locali. Si tratta del completamento dei due edifici prospicenti la seconda piazza che ospiteranno una residenza per studenti di 150 posti letto con annessi servizi a supporto (circa 6.900 mq) oltre a servizi (circa 2000 mq), spazi commerciali (circa 2.300 mq), terrazze, spazi pedonali e parcheggi interrati. Il completamento della seconda piazza consentirà di mettere in comunicazione i diversi fabbricati in una serie di piazze e spazi pedonali dall’ex ingresso dell’ospedale su piazza Monteluce all’estremità orientale, passando attraverso il padiglione in corso di ristrutturazione, con un’estensione seconda solo a Corso Vannucci. Completate le opere di urbanizzazione dell’intera area, la riqualificazione proseguirà con la realizzazione, da parte di operatori terzi, dei lotti residenziali (edilizia libera e convenzionata), delle superfici ad uso ricettivo oltre alla nuova Clinica Porta Sole.

Gli spazi per gli studenti – Monteluce sarà dunque un luogo che, almeno sul progetto su carta, verrà popolato da studenti, cittadini e servizi. Anche l’intelaiatura dell0 studentato è immaginata in modo da rendere tutto pià comunitario: niente grande refettorio, ma piccole cucine e spazi condivisi, in modo che lo studente si senta in famiglia. E ancora: c’è grande attesa per il ristorante che verrà collocato sulla terrazza vista acropoli. La scommessa più importante poi riguarderà le unità abitative, che verranno realizzate nella collina più bassa del fondo Monteluce. Al momento non sono state avanzate richieste di acquisto, non trattandosi di lotti commercializzati. I lotti (di cui 3 di edilizia libera e uno convenzionato, a loro volta costituiti da palazzine in un numero da 3 a 5 edifici per 250 appartamenti) verranno comunque venduti ad operatori locali e poi immessi sul mercato.

©Riproduzione riservata

Stampa