Da Ue ok a 1,2 miliardi per terremoto centro Italia | Arriveranno entro poche settimane

Da Ue ok a 1,2 miliardi per terremoto centro Italia | Arriveranno entro poche settimane

Europarlamento approva il maxi stanziamento in favore delle aree colpite dal sisma | Soddisfazione di Sassoli e La Via

Sì dall’Europarlamento al maxi stanziamento Ue in favore delle regioni del centro Italia colpite dalle scosse di terremoto del 2016 e dell’inizio del 2017. L’ok ai fondi è arrivato quest’oggi. Una decisione attesa, come aveva anche spiegato il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani nei giorni scorsi a Norcia e Spoleto insieme al commissario Ue Navracsics (nella foto).


“Norcia simbolo della solidarietà europea” | Da Ue 2 miliardi per post terremoto


“Come ci aspettavamo l’aula di Strasburgo ha ratificato la decisione presa in commissione bilancio del parlamento la settimana scorsa”. Lo afferma David Sassoli, vice presidente del Parlamento Europeo, dopo il voto di oggi a Strasburgo sull’accordo dello sblocco di 1.2 miliardi per 140 comuni di Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo colpiti dal terremoto del 26 agosto 2016. “L’Europa ha dato prova di sensibilità e solidarietà – spiega Sassoli –  nel rendere disponibile una somma importante per aiutare le popolazioni colpite da un evento catastrofico come quello di un anno fa. Si tratta di una decisione senza precedenti, frutto della ottima collaborazione tra le istituzioni ed i governi europei. L’Ue – conclude Sassoli-  a differenza di quanto alcuni vogliano far credere, dimostra di essere utile per la vita dei cittadini in difficoltà”.

Una nota dell’Europarlamento spiega che “1.2 miliardi di euro verranno stanziati dal Fondo di solidarietà dell’Unione europea per aiutare l’Italia nella ricostruzione dopo i ripetuti terremoti che hanno colpito le regioni del centro fra il 24 agosto 2016 e il 18 gennaio 2017. I soldi saranno utilizzati in primo luogo per costruire nuove soluzioni abitative e per riparare le infrastrutture. Edifici pubblici e siti architettonici e culturali saranno messi in sicurezza e ristrutturati grazie a questo importante aiuto economico”.

L’Europa interviene direttamente per alleviare nell’immediato la sofferenza e il disagio di chi è stato colpito dal sisma, offrendo aiuti per le abitazioni provvisorie, svolgendo degli interventi che aiutano a recuperare la storia del territorio e riparando delle infrastrutture che sono necessarie per far ripartire la vita a livello locale”  ha dichiarato l’eurodeputato Giovanni La Via (Partito Popolare europeo), il relatore della proposta al Parlamento.

Nella nota viene ricordato: “La Protezione civile italiana e la Commissione europea hanno stimato i danni dei terremoti a 21,9 miliardi di euro. Fra agosto ottobre 2016 e gennaio 2017 quattro regioni italiane, Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria, sono state colpite da una serie di episodi di diversa entità. Più di 300 persone hanno perso la vita e diverse centinaia sono rimaste ferite. Ancora di più le persone la cui casa è crollata o è stata resa inagibile dal terremoto: a novembre 2016 si contavano infatti 32000 persone bisognose di assistenza. La Protezione Civile si sta già occupando della costruzione di 3800 soluzioni abitative temporanee che permetterebbero ai cittadini di tornare a vivere nei propri paesi. I terremoti del centro Italia hanno anche inferto una gravissima ferita al patrimonio culturale dell’area. Quasi la metà dei siti culturali esaminati sono stati dichiarati inagibili”.

Una parte del Fondo di solidarietà, 30 milioni di euro, è già stato versato a dicembre 2016. Il budget previsto per il 2017 è insufficiente a fornire gli aiuti richiesti ma la Commissione europea, nella sua proposta adesso all’esame del Parlamento, suggerisce di stanziare i fondi provenienti dal budget del 2018, come spiega Giovanni La Via: “Un importo così grande, da un miliardo e 200 milioni non è reperibile in bilancio, è un importo che abbiamo messo insieme da un lato facendo ricorso a tutto quello che non era stato utilizzato nei periodi precedenti e dall’altro lato impegnando anche delle risorse che saranno messe nel bilancio del prossimo anno”.

Grazie alla collaborazione di tutti i parlamentari, il Parlamento ha votato lo stanziamento dei fondi in sessione plenaria in tempi rapidissimi il 13 settembre 2017. I fondi saranno a disposizione dell’Italia nel giro di poche settimane.