Aeroporto Perugia, Sase firma accordo con la compagnia rumena Cobrex Trans

Aeroporto Perugia, Sase firma accordo con la compagnia rumena Cobrex Trans

Il Direttore Solimeno a Tuttoggi.info, “Compagnia affidabile dal punto di vista operativo. E’ in possesso di certificazione Coa ed Easa”


La Sase, società di gestione dell’aeroporto internazionale dell’Umbria – Perugia “San Francesco d’Assisi” – ha presentato questa mattina, 9 aprile, in una conferenza stampa presso lo scalo aeroportuale umbro, la Cobrex Trans nuova Compagnia Aerea che si appresta ad aprire la propria base operativa presso lo scalo umbro e che a partire da metà giugno servirà alcune destinazioni quali Bucarest, Trapani e Cagliari, con l’aggiunta durante i mesi estivi delle rotte da/per Barcellona e Brindisi.

Arriva dunque a concretizzarsi la procedura della manifestazione di interesse per lo scalo umbro messa in atto nei mesi scorsi da Sase per verificare la possibilità, come più volte accennato dal Presidente della società di gestione Ernesto Cesaretti, di trovare un vettore aereo che potesse fare base a Perugia con un suo aeromobile di proprietà.

Accantonata temporaneamente la surreale vicenda Fly Volare (che prosegue invece ormai spedita sul binario legale e penale-vedi in fondo alla pagina), Sase riparte nella costruzione di una base operativa dello scalo regionale, questa volta con presupposti tecnici diversi e con richiesta di garanzie che dovrebbero tutelare l’impegno della società di gestione nei confronti della Cobrex Trans.

“Si tratta di una compagnia affidabile dal punto di vista operativo– racconta a Tuttoggi il nuovo direttore e accountable manager di Sase, Umberto Solimeno–  ma non solo. La Cobrex è in possesso di tutte le certificazioni necessarie inclusa la Easa ed ha operato come  compagnia Charter per Air France e Alitalia. Si tratta dunque di una compagnia nota e verificabile”.

Il fatto stesso che la Cobrex  abbia in gestione due aeromobili, fisicamente esistenti questa volta, è una ulteriore certezza che il progetto di stanziarne uno di base a Perugia, non sarà una “favoletta”, come accaduto in precedenza con FlyVolare.

La compagnia

Cobrex, compagnia aerea rumena con sede in Suceava, è stata fondata nel 1994 come compagnia di elicotteri, di cui aveva una numerosa flotta. La compagnia dispone di COA di proprietà,  e come detto è titolare di tutte le licenze europee necessarie per volare in Italia. Nello specifico la flotta è composta da due Boeing 737-300. Cobrex ha scelto l’aeroporto dell’Umbria come propria base in Italia e quindi posizionerà al “San Francesco d’Assisi” uno dei suoi Boeing 737-300, con configurazione da 148 posti, con il quale inizierà ad operare i seguenti collegamenti:

Dal 14 giugno

– BUCAREST, 2 frequenze settimanali, voli ogni martedì e venerdì

– TRAPANI, 2 frequenze settimanali, voli ogni mercoledì e sabato

– CAGLIARI, da 2 frequenze, voli ogni martedì e venerdì, a 4 frequenze settimanali nei mesi di picco, con voli aggiuntivi ogni mercoledì e sabato

A partire da luglio

– BARCELLONA, 2 frequenze settimanali, voli ogni martedì e venerdì

– BRINDISI, 2 frequenze settimanali, voli ogni mercoledì e sabato

Cobrex effettua servizio di catering a bordo, inclusi pasti caldi, ed opera con tutto il personale parlante anche italiano. Le tariffe avranno tre differenti livelli di costo, in base alla lunghezza della rotta. I biglietti saranno presto in vendita nel sito web www.cobrextrans.com attraverso la piattaforma “worldticket”, presso le migliori agenzie di viaggio e presso la biglietteria dell’aeroporto.

Chiediamo al Direttore Solimeno, come mai sia il Sito ufficiale che la pagina Facebook della Cobrex al momento non sembrano essere operativi (ad esempio al momento, non è possibile prenotare biglietteria di nessun genere sul sito) o particolarmente aggiornati (la pagina Fb sembrerebbe essere stata attivata solo di recente, nel 2017).

“La Cobrex ha operato  dalla sua fondazione ad oggi – spiega il Direttore Solimeno- prevalentemente come compagnia Charter. Il “ritardo” sui mezzi di comunicazione è da addebitare principalmente a questo fattore operativo”.

Il contratto blindato

Per quanto riguarda invece la parte contrattualistica tra Sase e Cobrex Trans, il Direttore Solimeno chiarisce  nel dettaglio, “che il CdA di Sase ha regolarmente deliberato la stipula dell’accordo con la Cobrex e che questo sarà operativo tecnicamente a maggio, mese in cui si potrà iniziare anche ad acquistare i biglietti. Per quanto riguarda invece l’incentivo start up alla compagnia, sono disponibili 250mila euro che saranno destinati alla società rumena solo nel momento in cui la stessa sarà operativa nello scalo. Il tutto a fronte di una fideiussione bancaria di pari importo che deve essere  rilasciata a favore di Sase da un primario istituto bancario nazionale.”

Una “blindatura” operativa che questa volta fa sperare in un approccio professionale serio e alla larga dai Furbetti dell’aeroplanino. E’ ovvio che se i termini dell’accordo non venissero rispettati (la cancellazione di qualche rotta o il venire a mancare di qualche aspetto tecnico o certificativo fondamentale) la Sase potrebbe far valere la garanzia fideiussoria in qualunque momento.

Petru Stefan Runcan, Route Developer della compagnia, ha dichiarato in conferenza stampa: “Cobrex crede fortemente nel bacino d’utenza umbro per la sua vocazione turistica, religiosa ed industriale, oltre che per la presenza nella regione di poli di eccellenza della gastronomia; per questo uno dei Boeing 737 verrà basato a Perugia a disposizione di tutti gli operatori turistici ed industriali che dovessero averne bisogno. Questa è una grande opportunità per le aziende del territorio che avranno la possibilità di noleggiarlo evitando costose spese di trasferimento a vuoto da altri aeroporti”.

Ernesto Cesaretti, Presidente SASE, ha invece commentato: “Accogliamo con grande piacere l’apertura della base Cobrex a Perugia, grazie alla quale saranno ripristinate già a partire da questa stagione estiva quelle rotte, domestiche ed internazionali, che negli ultimi anni hanno fatto registrare un traffico costante e consolidato. La presenza di un aeromobile basato presso il nostro aeroporto permetterà inoltre possibili ulteriori sviluppi di traffico: ci auguriamo quindi che questo passo rappresenti l’inizio di una nuova importante e duratura collaborazione per l’aeroporto dell’Umbria e per tutto il territorio”.

La coda giudiziaria di FlyVolare

Sulla vicenda Fly Volare, il Direttore Solimeno conferma quanto già anticipato dalla stampa locale nei giorni scorsi, “E’ stata presentata alla Procura della Repubblica di Perugia una denuncia penale per truffa contrattuale nei confronti di Fly Volare di cui siamo creditori chirografari”.

Una sorta di “ultima spiaggia” per tentare di recuperare i restanti 250mila euro degli ormai famosi 500mila, pagati alla compagnia maltese. Molto dipenderà dagli sviluppi giudiziari  successivi all’arresto del’AD di Fly Volare, Fausto Chiparo.

Tutta la vicenda Fly Volare (clicca qui)

Riproduzione riservata

Foto: sito ufficiale Cobrextrans.com

Stampa