Volley A1, l’Altotevere passa ancora al quinto set / Sconfitta 3-2 una rabbiosa Ravenna - Tuttoggi

Volley A1, l’Altotevere passa ancora al quinto set / Sconfitta 3-2 una rabbiosa Ravenna

Redazione

Volley A1, l’Altotevere passa ancora al quinto set / Sconfitta 3-2 una rabbiosa Ravenna

Mer, 27/11/2013 - 23:33

Condividi su:


L’Altotevere batte Ravenna in un match appassionante e spettacolare, che lascia col fiato sospeso tutti i tifosi accorsi al “PalaKemon” per il sesto turno infrasettimanale. Decide il cuore biancorosso e il muro, 18 a segno, 10 del solo monumentale Piano. Una vittoria importantissima per il morale, raggiunta ancora una volta al quinto set. Coach Radici conferma il sestetto annunciato con Dolfo e Piano reduci dalla trasferta giapponese con la nazionale.
Primo set – Il primo punto è biancorosso con Rossi. Dolfo, il muro e il primo tempo di Piano allungano (4-0). Klapwijk s’incarica di accorciare da posto due (4-2), poi il fallo in rotazione della CMC allarga ancora le distanze (6-2). Cricca si fa sentire a muro (6-4) e Cebulj in battuta riavvicina i suoi (6-5). Il fallo di seconda linea biancorosso riporta (6-6) in parità la contesa che rimane in equilibrio fino alla palla out di Klapwijk (12-10 e time out tecnico). Al rientro dalla sosta la CMC ha un altro scatto (12-13) ma questa volta è Fromm a rimettere le cose a posto (14-13). Cester ferma la pipe di Fromm (15-16) e Cebulj sigla il 15-17. Un fallo in palleggio di Toniutti rimette le cose a posto (17-17) e riparte ancora una fase di punto a punto finché Van Walle ribalta il vantaggio con l’ace del 22-21. Piano ferma il primo tempo di Cricca (23-21) e Cebulj regala due palle set all’Altotevere con il suo errore in battuta (24-22 e time out Bonitta). Giallo sul punto del possibile 24-23, prima dato ai tifernati poi tolto dopo la segnalazione del secondo arbitro (24-23 e doppio time out Radici). Dolfo mette il sigillo al primo set (25-23).
Si ricomincia nel secondo set con Ravenna che parte meglio rispetto ai biancorossi di Radici (2-5 e giallo alla panchina ospite per proteste), Van Walle buca il muro per il 4-5. La battuta di Klapwijk ricaccia ancora indietro i tifernati (6-9) che si trovano sotto di quattro lunghezze al time out tecnico (8-12). Ancora una volta è il servizio di Rossi a propiziare i punti della parità (12-12) ed anche del vantaggio (13-12, ace). Il muro su Van Walle consente a Ravenna di andare sul 15-17 e poi di allungare ancora (15-19, time out Radici). Dolfo mura Klapwijk (17-19), il neo entrato Carminati fa lo stesso con Tillie (18-19) e poi palleggia per Van Walle la palla della parità (19-19). Rossi mura Klapwijk e così la rimonta è completata (20-19). La CMC torna avanti con Tillie (20-21), Rossi ribalta di nuovo (22-21). Van Walle non fallisce il 24-23, Piano annienta a muro Cebulj e dà il 2-0 ai biancorossi.
Subito avanti l’Altotevere nel terzo set (4-1), la rotazione al servizio di Cebulj pareggia i conti (4-4). Van Walle gioca col muro ospite (7-5), Cebulj firma una nuova parità (8-8). Un errore di Cebulj dalla zona due manda le due squadre alla sosta tecnica di metà set sul 10-12, Cricca trova l’ace del pareggio sul 13-13. C’è molto spettacolo e grandi salvataggi, le due squadre si danno battaglia in campo con colpi di grande livello. Sul 17-17 Bonitta manda in campo Mengozzi, Ravenna prende due punti di vantaggio con l’ace di Toniutti (17-19 e time out Radici). Corvetta e Piano fermano a muro Tillie (20-20). Ravenna mantiene un punto di vantaggio (22-23) che diventano due con Tillie (22-24). Klapwik commette fallo di seconda linea (23-24) poi il check annulla la decisione arbitrale sul fallo di piede di Dolfo che avrebbe significato l’1-2 e fa ripetere l’azione. Cebulj però non regala nulla (23-25).
Il quarto set inizia con un grande ritardo perché la CMC non voleva rientrare in campo dopo le proteste ai danni della panchina alla fine del terzo set: Bartolini sancisce con un rosso entrambe le panchine. C’è grande tensione in campo e grande battaglia di schiacciate e muri (4-5). La baruffa creata giova molto a Ravenna che si prende un vantaggio di tre punti che diventano quattro col rosso ai danni di Corvetta (4-8). Ci sono proteste praticamente ad ogni palla e tutto va a discapito di Città di Castello che si trova sotto (7-12) e ha anche Piano e Dolfo un po’ stanchi. Radici toglie il martello veneto per inserire Massari ma l’Altotevere fatica un po’ a ritrovarsi; esce anche Fromm per Carminati (9-15). Quando Klapwijk tira fuori l’ace dell’11-18, la sensazione è quella che si andrà al quinto set perciò Radici dà spazio anche alla panchina per far riposare i titolari. Ravenna rimanda il verdetto al quinto set (17-25).
Il quinto set inizia con una palla out di Rossi (0-1) e con Ravenna che va in vantaggio (2-3), il servizio di Fromm porta Città di Castello sul 4-3. Piano cancella a muro Tillie (5-3) ed allora Bonitta fa entrare Patriarca al posto di Cebulj in ricezione. La CMC pareggia con Cester a muro e torna avanti con Cebulj (6-7). Ravenna protesta ancora sulla palla dell’8-9, Van Walle esalta il pubblico col muro del 9-9. La tensione è massima, Piano non fa scappare Ravenna (11-11). Ancora muro di Piano (13-12) e punto di Tillie (13-13). L’attacco di Dolfo è toccato dal muro (14-13), quello di Cebulj anche, secondo gli arbitri, (14-14). Van Walle tira out (anche questa decisione è quantomeno dubbia) ed allora è Ravenna ad avere la palla match. Dolfo e Corvetta (ace) ribaltano di nuovo (16-15). I biancorossi hanno tre attacchi per chiudere ma non riescono (16-16). Cricca annulla il terzo match point, Fromm ne guadagna un altro sprecato dal servizio (18-18). Van Walle e Piano fanno saltare in aria i tifosi.

Tabellino
Altotevere Citta’di Castello: Corvetta 2, Van Walle 24, Dolfo 12, Fromm 20, Piano 16, Rossi 8, Tosi (L), Carminati 3, Marchiani, Massari, Franceschini, Sartoretti 1, Lensi (2L). All. Radici
Cmc Ravenna: Toniutti 1, Klapwijk 22, Tillie 17, Cebulj 30, Cricca 6, Cester 6, Bari (L), Jeliazkov, Patriarca, Kauliakamoa, Mengozzi. A disp. Koumentakis, Goi (2L). All. Bonitta.
Risultato: 3-2 (25-23/ 25-23/ 23-25/ 18-25/ 20-18)
Arbitri: Bartolini di Signa (FI) e Longo di Grosseto
Note: Castello (b.v. 6, b.s. 15, muri 18, errori 12), Ravenna (b.v. 6, b.s. 11, muri 12, errori 9)
MVP: Corvetta

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!