“Un immenso bene umbro”, c’è tempo per le visite fino al 29 ottobre

“Un immenso bene umbro”, c’è tempo per le visite fino al 29 ottobre

In una mostra per i 25 anni di attività, tutte le opere più importanti delle 6 Fondazioni Bancarie dell’Umbria

share

“Un immenso bene umbro”, è questo il titolo del progetto espositivo che vede impegnate a Perugia le sei Fondazioni di origine bancaria dell’Umbria.

Una mostra che ricorre in occasione dei venticinque anni dalla loro nascita e che raccoglie a palazzo Lippi Alessandri a Corso Vannucci in Perugia tantissime opere d’arte di loro proprietà, che dimostrano il mecenatismo delle Fondazioni. Per visitarla c’è ancora tempo fino al prossimo 29 ottobre.

L’occasione è decisamente unica, visto che in un solo spazio espositivo vengono esposte tutte insieme grandi opere di tutte e sei le Fondazioni. Come è stata definita dagli stessi organizzatori, si tratta di una mostra non convenzionale, di una sorta di racconto che si sviluppa lungo le sale del palazzo, dove ciascuna Fondazione – Città di Castello, Foligno, Orvieto, Perugia, Spoleto, Terni e Narni – ha allestito un suo spazio con opere d’arte, volumi, filmati e materiali di vario genere che testimoniano l’attività svolta negli anni per la tutela e la valorizzazione del territorio in cui opera, in particolar modo nell’ambito dell’arte, ciascuna con le proprie peculiarità.

La mostra ha l’obiettivo di far conoscere al pubblico quanto ciascuna Fondazione ha realizzato in questi suoi primi 25 anni di vita, ma allo stesso tempo viene messo in risalto lo spirito di cooperazione che le ha viste unite in varie iniziative a vantaggio dell’intera regione.

In questi anni, le sei Fondazioni hanno stanziato 380 milioni di euro in tantissimi settori come ad esempio: sanità, ricerca scientifica, volontariato. Non poteva quindi mancare anche il settore della cultura, in corso Vannucci 39 a Perugia.

E’ possibile visitare la mostra, con ingresso gratuito, dal martedì al venerdì dalle 15 alle 19.30 e la domenica dalle 11 alle 19.30. Lunedì giorno di chiusura.

Foto repertorio

share

Commenti

Stampa