Uffici UslUmbria2, piano di rientro in centro storico per 200 dipendenti - Tuttoggi

Uffici UslUmbria2, piano di rientro in centro storico per 200 dipendenti

Claudio Bianchini

Uffici UslUmbria2, piano di rientro in centro storico per 200 dipendenti

Pronta a rinascere l'area dell'ex Ospedale | Ecco la nuova mappa dei servizi e delle strutture
Gio, 25/10/2018 - 16:57

Condividi su:


Uffici UslUmbria2, piano di rientro in centro storico per 200 dipendenti

Pronti a tornare in centro storico alcuni servizi, uffici e soprattutto dipendenti della UslUmbria2 che porteranno una boccata d’ossigeno alla vita del cuore cittadino.

Saranno all’incirca 200 i lavoratori interessati a seguito delle nuove dislocazioni, gran parte dei quali impiegati nella direzione generale dell’azienda sanitaria.

Il rientro più massiccio interesserà l’edificio de ‘Le Scale di Porta Romana’ con l’occupazione di ben tre piani: al terzo andrà il provveditorato, al quarto il servizio formazione ed al quinto piano gli uffici stessi della direzione.

In verità la stragrande maggioranza di questi sono già stati trasferiti ed hanno iniziato a lavore in questi nuovi spazi a ridosso delle mura urbiche.

In procinto di essere smantellato, anche il servizio finanziario che dalla Sala Alesini del nuovo ospedale San Giovanni Battista troverà spazio a Le Scale.

Altro tassello strategico è quello della direzione del distretto sanitario: da via Vignola, dove era stato collocato trasferendolo da Porta Ancona, tornerà in centro storico e precisamente all’interno della Palazzina Liberty difronte l’ingresso dell’ex Pronto Soccorso in via dell’Opedale, ora occupato dalla clinica Santo Stefano. Qui opereranno circa una ventina di persone, ma è importante anche dal punto di vista della ‘sicurezza’ considerando che la struttura, da tempo dismessa, era diventata punto di ritrovo serale per tipi poco raccomandabili.

E sempre nella zona dell’ex ospedale, proprio sopra la farmacia Afam n.1 verranno dislocati la Guardia Medica e l’assistenza Aft, al primo e secono piano la neuro psichiatria infantile ed il servizio disturbi dello sviluppo che si trova in via dei Molini, dall’altra parte del vecchio nosocomio. Negli stessi locali della palazzina, si tratta di duemila metri quadri, andrà anche il centro diurno per l’autismo. Pure in questo caso era già in centro storico, in una struttura in via Cesare Agostini.

Ed intanto proseguono a spron battuto i cantieri di recupero delle due strutture dell’ex San Giovanni Battista, una zona nel cuore del centro destinata a tornare a nuova vita.


Condividi su:


Aggiungi un commento