Terni, traffico e parcheggio tra le radici|I 'bio-dissuasori' del distretto sanitario - Tuttoggi

Terni, traffico e parcheggio tra le radici|I ‘bio-dissuasori’ del distretto sanitario

Mirco Diarena

Terni, traffico e parcheggio tra le radici|I ‘bio-dissuasori’ del distretto sanitario

Dossi e voragini, i pini creano gravi problemi alla viabilità | In arrivo progetto di risanamento
Gio, 07/01/2016 - 15:45

Condividi su:


É stata proposta come Capitale della Cultura, alcuni malignamente l’hanno ribattezzata come Capitale dell’inquinamento, ma adesso è certo: Terni è la Capitale dei ‘bio-rallentatori’. Nella città dell’acciaio nasce spontanea una nuova forma di ‘green-technology’ e l’introduzione di questa rivoluzionaria innovazione parte proprio da uno dei luoghi nevralgici di Terni: il parcheggio del distretto sanitario di via Bramante.

Un’area in cui ogni giorno transitano migliaia di veicoli e che collega oltre alla struttura della Usl2 anche uno dei principali cinema della città, una zona commerciale e la sede dell’Agenzia dell’Entrate e della Guardia di Finanza. Un angolo di Terni noto a tutti i cittadini in cui il traffico quotidiano è ormai regolato dai ‘bio-dissuasori’: dossi e buche, alcune sarebbe più appropriato chiamarle voragini, provocati dalle radici dei pini piantati nel vicino parcheggio e che costringono gli automobilisti a procedere a passo d’uomo, come si si transitasse all’interno della giungla.

In realtà le piante che hanno ‘rimodulato’ la circolazione non sono pini secolari di 20/25 metri, ma alberi di medie dimensioni che, probabilmente non adeguatamente curati, hanno preso possesso della via principale e di gran parte del parcheggio. In alcuni tratti le radici producono ostacoli superiori ai 20 cm o profondi avvallamenti dove i pneumatici delle vetture affondano inesorabilmente.

Come è scritto nella homepage della Usl2 il distretto di Terni è il più popoloso della Usl Umbria 2, garantisce l’assistenza socio sanitaria ad una popolazione di oltre 135 mila abitanti nei Comuni di Terni, Acquasparta, Arrone, Ferentillo, Montefranco, Polino, San Gemini e Stroncone. Il distretto rappresenta la sede in cui si affronta e si valuta la domanda e si programma l’offerta dei servizi e delle prestazioni, si garantisce la continuità dell’assistenza tra ospedale e territorio e l’integrazione sociosanitaria. 

Ma lo stato di salute del parcheggio di via Bramante è fortunatamente noto anche all’amministrazione comunale che proprio con una delle ultime delibere del 2015 ha presentato un progetto di risanamento dell’area. Il piano dovrà essere finanziato e verrà attuato solo dopo regolare gara d’appalto. Un percorso che si prospetta però ancora lento e pieno di insidie proprio come quelle di via Bramante.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!