Tari, scontro Cgil - Zuccarini. Il sindacato: "Continua la mobilitazione"

Tari, continua lo scontro Cgil – Zuccarini. Il sindacato: “Continua la mobilitazione”

Redazione

Tari, continua lo scontro Cgil – Zuccarini. Il sindacato: “Continua la mobilitazione”

Spi Cgil: "Mobilitazione continua, fino alla riapertura del confronto"
Gio, 06/02/2020 - 09:56

Condividi su:


Tari, continua lo scontro Cgil – Zuccarini. Il sindacato: “Continua la mobilitazione”

La Tari resta argomento caldo, anzi caldissimo. La Cgil non molla di un centimetro e prosegue la mobilitazione dopo la rimodulazione degli sgravi per le famiglie più povere. “Nonostante le sollecitazioni, nonostante il presidio organizzato dalla CGIL durante il consiglio comunale, nonostante la richiesta dell’opposizione di voler discutere il provvedimento della Giunta, che aumenta la tassazione TARI sui meno abbienti, la Giunta di Foligno ha deciso di procedere a testa bassa!“, dicono Mario Bravi e Dino Baldoni, rispettivamente segretario Spi Cgil di Foligno e della Provincia di Perugia.

Il provvedimento che colpisce i piu’ poveri non si discute”, questo il messaggio che ha voluto trasmettere il Sindaco di Foligno Stefano Zuccarini. E tutto questo alla faccia della democrazia, del confronto civile e del dialogo con le parti sociali. Caro Sindaco – proseguono Bravi e Baldoni – l’atteggiamento suo e della sua Giunta, dimostra non solo estrema arroganza ma anche profonda insicurezza e debolezza! Cancellare le esenzioni fiscali per le 700 famiglie più povere è un provvedimento grave, che non è stato minimamente lenito dagli addobbi natalizi e dalle luci sfavillanti, che hanno attraversato il centro della città della Quintana“.

Ora gli addobbi natalizi non ci sono piu’ ma sono arrivate bollette salatissime ai piu’ poveri della città! Ci sono persone povere (ricordiamo al Sindaco che la povertà è in aumento anche a Foligno)che si sono viste recapitare bollette che pretendono il recupero immediato di 500-600 euro. E proprio in questi giorni il Comune di Foligno allunga i termini di un bando che prevede esenzioni marginali per redditi al di sopra della soglia di povertà! Comunque la mobilitazione che come SPI CGIL abbiamo iniziato, continuerà fino a che non si riaprirà il confronto e fino a che non verrà modificata la scelta scellerata di colpire i piu’ poveri della città“.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!