SI TIENE DOMANI LA CONFERENZA SULL'AMBIENTE CON PAUL CONNET - Tuttoggi

SI TIENE DOMANI LA CONFERENZA SULL'AMBIENTE CON PAUL CONNET

Redazione

SI TIENE DOMANI LA CONFERENZA SULL'AMBIENTE CON PAUL CONNET

Ven, 18/01/2008 - 19:57

Condividi su:


“Si terrà sabato 19 gennaio alle ore 16:00 presso la sala congressi del Centro Acquarossa di Gualdo Cattaneo la coneferenza dal titolo “DIO RICICLA, IL DIAVOLO BRUCIA” che vedrà come principale relatore nientemeno che Paul Connett, Professore Emerito di Chimica Ambientale presso la S. Lawrence University di New York e fondatore della Rete Mondiale “RIFIUTI ZERO”. Il Prof. Connett dimostrerà che esistono alternative ecologicamente sostenibili ed econmicamente vantaggiose all'incenerimento dei rifiuti, operazione questa che è stata ampiamente riconosciuta a livello scientifico internazionale come NON RISOLUTIVA in materia di smaltimento (basti pensare cje 3 tonnellate di rifiuti bruciati producono 1 tonnellata di ceneri tossiche) e soprattutto MALSANA dal punto di vista ambientale e sanitario a causa dell'emissione di nanoparticelle, ossia particolato ultrafine di dimensioni micrometriche e nanometriche, impossibile da filtrare, che si insinua nelle cellule dell'organismo causando diversi tipi di malattie, quali linfomi, sarcomi e le cosiddette “nanopatologie”, ternime coniato dalla Dott.ssa Gatti dell'Università di Modena, recentemente nominata dalla Dott.ssa Massini della procura di Terni come perito per le indagini sull'inceneritore di Maratta.Sono stati ufficialmente invitati personaggi eccellenti dell'amministrazione regionale e delle amministrazioni locali, a partire dalla Presidente Lorenzetti, l'Assessore all'Ambiente Bottini, tutti i consiglieri regionali, i Sindaci di Perugia, Terni e di tutti i Comuni del comprensorio (in particolar modo il Sindaco di Giano Morbidoni), i presidenti delle Provincie di Perugia e Terni, nonchè il direttore dell'ARPA Piccioni.Sarà un'occasione per riflettere e per proporre delle alternative concrete a ciò che rischia di rappresentare il punto di rottura definitivo ed irreversibile tra la politica e la società civile : a volere i cosiddetti “termovalorizzatori” sono infatti sempre gli amministratori e mai i cittadini.Nemmeno il “lavaggio” mediatico in atto da qualche settimana, infatti, sembra convincere gli italiani circa l'innocuità e l'utilità di questi impianti che vivono di finanziamenti comunitari (i famosi CIP6) risultando al contempo antieconomici ed antiecologici.”


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!