"Sei palestinese, non ti affitto casa": la denuncia

“Sei palestinese, non ti affitto casa”: la denuncia

Redazione

“Sei palestinese, non ti affitto casa”: la denuncia

Mar, 07/12/2021 - 08:57

Condividi su:


Udu e Sunia raccontano il caso di un ragazzo iscitto all'Università di Perugia che si è visto rifiutare l'abitazione perché straniero

“Sei palestinese, non ti affitto casa”. E’ quanto si sarebbe sentito rispondere, secondo quanto denunciato da Sinistra Universitaria – Udu e dal Sunia, uno studente palestinese iscritto all’Università degli Studi di Perugia e alla ricerca di una stanza in città. Il giovane si è messo in contatto per tramite di un amico, nei giorni scorsi, con il proprietario di un immobile del centro che aveva pubblicato un annuncio in uno dei tanti gruppi Facebook dedicati. Sulle prime la telefonata è stata cordiale, finché a un certo punto, lo studente si è sentito rivolgere la domanda: “Ma il tuo amico è italiano?”. Alla risposta negativa, i proprietari hanno cominciato ad accampare scuse per negare l’affitto “Sai, ci sono già degli studenti italiano, con le loro abitudini, il loro cibo”. In un secondo momento, incalzati dall’amico che ironicamente ha ribattuto: “Ma guardate che i palestinesi mica mangiano la sabbia”, hanno finalmente scoperto le carte ammettendo la natura razzista e xenofoba del rifiuto.

“Come Sinistra Universitaria – Udu Perugia – dichiara il vice coordinatore Aleph Bononi – abbiamo raccolto questa segnalazione e denunciamo come questo tipo di comportamenti sia assolutamente inaccettabile. Proprio a causa di queste situazioni Perugia rischia di perdere la sua caratura di città aperta, universitaria e internazionale. A ciò si aggiunge la particolare situazione di difficoltà di studentesse e studenti di trovare abitazioni nella città di Perugia”.

“Anche in questa situazione – conclude – chi paga il prezzo più alto sono le categorie più deboli, a causa di comportamenti scorretti e inaccettabili dei proprietari. Rinnoviamo quindi la richiesta alle istituzioni locali e regionali di un tavolo di confronto: le istituzioni devono intervenire”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!