Rivoluzione storica alla Diocesi di Foligno / Il vescovo ridisegna le parrocchie - Tuttoggi

Rivoluzione storica alla Diocesi di Foligno / Il vescovo ridisegna le parrocchie

Redazione

Rivoluzione storica alla Diocesi di Foligno / Il vescovo ridisegna le parrocchie

Mar, 22/10/2013 - 13:22

Condividi su:


Rivoluzione storica alla Diocesi di Foligno / Il vescovo ridisegna le parrocchie

Al termine della visita pastorale nella Diocesi di Foligno, il vescovo Gualtiero Sigismondi, dopo un percorso condiviso con il collegio dei consultori, il consiglio presbiterale ed il consiglio pastorale, annuncia provvedimenti di riordino della suddivisione territoriale della Diocesi e nomina nuovi parroci.

Nuove strutture comuni – La più evidente riforma, dovuta più all’esigenza di trovare nuove strutture di comunione piuttosto che all’urgenza della scarsità di clero, è l’istituzione di nuove unità pastorali, nelle quali la cura pastorale delle parrocchie, che manterranno il proprio status giuridico, sarà esercitata in maniera coordinata.

Unite le chiese di campagna – Il Vescovo ha così istituito l’unità pastorale Giovanni XXIII che comprende le parrocchie di San Michele Arcangelo in Sterpete, Sant’Egidio in Borroni, San Pietro Apostolo in Corvia e San Michele Arcangelo in Scafali.

Ridisegnata l'area nord – L’unità pastorale Paolo VI unirà le parrocchie del Ss. Nome di Gesù e della Beata Angela da Foligno, alla quale sarà trasferita la parte della parrocchia di San Giacomo a nord-est di viale Firenze e sottratta l’area di San Sebastiano che entrerà a far parte della parrocchia di San Giovanni Battista in San Giovanni Profiamma.

Novità per Valtopina – L’unità pastorale Valle del Topino subisce variazioni territoriali: perde la parrocchia della Beata Angela da Foligno, ma comprenderà d’ora in poi quella di San Pietro Apostolo in Valtopina.

Rivoluzione parroci – Parroci solidali delle parrocchie di Sterpete, Borroni e Corvia, nell’unità pastorale Giovanni XXIII, saranno fr. Leonardo Antonio De Mola (moderatore) e fr. Gabriele Faraghini, della Comunità Jesus Caritas, coadiuvati dal vicario parrocchiale fr. Oswaldo Cruz Curuchich Tuyuc, della stessa Comunità.

Don Dino 'in pensione' – Parroco delle parrocchie del Ss. Nome di Gesù e della Beata Angela da Foligno, che formano l’unità pastorale Paolo VI sarà mons. Giovanni Nizzi, finora parroco di Maria Ss. Immacolata, coadiuvato dai vicari parrocchiali don Abel Mutombo Kantenga e don Roy Antony Valiyaparambil, con la collaborazione di don Norberto Mitogo Esono. Mons. Dino Ambrogi, finora parroco del Ss. Nome di Gesù, diviene emerito per raggiunti limiti di età.

Arrivano i Frati Minori – La Parrocchia di Maria Ss. Immacolata sarà curata d’ora in avanti dai Frati Minori Conventuali nella persona di P. Domenico Fabbri, che resta parroco anche di San Francesco avviando così un coordinamento che potrà generare in futuro una nuova unità pastorale.

Nuova nomina a Corvia – Il riordino dell’articolazione territoriale della Diocesi proseguirà con la revisione territoriale delle parrocchie e con nuove forme di collaborazione – si legge nel comunicato stampa – per rispondere in maniera più efficace alla missione evangelizzatrice della Chiesa e per vivere in misura maggiore la comunione ecclesiale. Ad eccezione della nomina del parroco di San Pietro Apostolo in Corvia, operativa da subito in quanto la parrocchia si era resa vacante in seguito alla morte di don Marzio Melelli, tutti i provvedimenti entreranno in vigore dal primo dicembre.

Aggiungi un commento