Regionali, Fioroni "L'improvvisazione mette a rischio il servizio 118 e la salute dei cittadini" - Tuttoggi

Regionali, Fioroni “L’improvvisazione mette a rischio il servizio 118 e la salute dei cittadini”

Redazione

Regionali, Fioroni “L’improvvisazione mette a rischio il servizio 118 e la salute dei cittadini”

Ad affermarlo la candidata della Lega alle prossime elezioni regionali in Umbria in merito alla mozione governativa di riforma della senatrice 5Stelle Maria Domenica Castellone
Gio, 17/10/2019 - 21:23

Condividi su:


Regionali, Fioroni “L’improvvisazione mette a rischio il servizio 118 e la salute dei cittadini”

“La mozione governativa di riforma del servizio 118, presentata in Senato lo scorso 7 ottobre dalla senatrice 5Stelle Maria Domenica Castellone, mette a rischio tutto il sistema che garantisce il servizio 118, anche sul nostro territorio regionale, configurando un detrimento al sistema di sussidiarietà orizzontale, principio insostituibile nel nostro contesto sociale, e generando un costo insostenibile per il Servizio sanitario nazionale che si tradurrebbe inevitabilmente in un ulteriore aumento della tassazione o in una riduzione dei servizi per il cittadino”.

Ad affermarlo la candidata della Lega alle prossime elezioni regionali in Umbria, Paola Fioroni. “Se da un lato gli infermieri e i medici del 118 del Servizio sanitario sono spesso precari, male stipendiati e poco tutelati – prosegue Fioroni –, dall’altro immaginare una soluzione a tale criticità escludendo il volontariato dal soccorso sanitario è frutto di una pericolosa improvvisazione legislativa, incapace di comprendere che senza il contributo del volontariato il sistema non si reggerebbe più, avrebbe costi troppo alti e nessuna capillarità, tenendo conto che a livello nazionale il sistema del 118 è garantito all’80 per cento proprio dal volontariato”.

“La formazione, naturalmente, deve essere la condizione necessaria per garantire la qualità dei servizi erogati e deve essere valorizzata consentendo di distinguere tra realtà strutturate e quelle improvvisate – conclude Paola Fioroni –. Le soluzioni non possono prescindere dal confronto con i player del Terzo Settore, fermo restando che la Regione dovrà fare la sua parte, implementando il necessario sistema di controlli strutturali e assolvendo alla propria funzione sanzionatoria in modo chiaro ed univoco”.

Comunicato di Campagna Elettorale per le Regionali 2019


Condividi su:


Aggiungi un commento