La Quintana torna sulla Rai per la Festa a Palazzo - Tuttoggi

La Quintana torna sulla Rai per la Festa a Palazzo

Redazione

La Quintana torna sulla Rai per la Festa a Palazzo

Il caporedattore di 'Tg1 Storia' sarà ospite a Palazzo Candiotti per uno speciale
Lun, 18/01/2016 - 13:42

Condividi su:


Le telecamere di ‘Tg1 Storia’ riprenderanno la ‘Festa a Palazzo d’Oro e di Vento’ a Palazzo Candiotti del sette febbraio.

Roberto Olla, caporedattore responsabile delle rubriche Tg1 Storia e Tg1 Dialogo, sarà ospite e curerà direttamente il servizio sul primo evento in programma nell’ambito dei festeggiamenti per i settantanni della Quintana.

Olla ha risposto con entusiasmo all’invito dell’Ente Giostra ed ha deciso di non limitarsi ad intervenire, ma di confezionare anche un servizio per la sua seguitissima rubrica in onda sulla prima rete nazionale.

Il giornalista è già stato ospite della Quintana in occasione della finale del Gareggiare dei Convivi del 2013 tra Croce Bianca e Morlupo. Olla confezionò uno splendido servizio e rimase affascinato dal grande spettacolo barocco.

“Siamo onorati di avere ancora come ospite un professionista come Roberto Olla – ha detto il presidente dell’Ente, Domenico Metelli – grazie alla sua disponibilità la Quintana ritorna sulla prima rete nazionale e questo ci rende davvero felici”.

Roberto Olla, giornalista e scrittore, è in Rai dal 1978 dove si è specializzato nella realizzazione di documentari ed ha realizzato i primi documentari italiani in 3D prodotti dalla Rai. Autore di diversi libri, ha ricevuto il ‘Premio Internazionale di Letteratura Il Mulinello’ del 2001, il Premio Flaiano 2002, il Premio Saint Vincent, il Premio Ilaria Alpi, il Premio Hrant Dink per la libertà d’informazione, l’Oscar TV Speciale per il 50° della televisione con il documentario “Auschwitz e la cioccolata”, il Premio Tarquinia Cardarelli, il Premio Disfida di Barletta, il Premio Capo D’Orlando 2009, il Premio Leonardo Città di Salerno 2010.

È stato presidente a Ginevra dello Interdisciplinary Archives Group organismo dell’Eurovisione-European Broadcasting Union, agenzia collegamento tra gli archivi radiotelevisivi europei. E’ membro del comitato scientifico del Museo della Shoah di Roma. È stato membro del comitato scientifico della mostra sulle Foibe al Vittoriano. Il 24 settembre 2010 ha vinto a Roma la I edizione del Premio di giornalismo “L’isola che c’è”, riconoscimento assegnato a 10 giornalisti sardi, della carta stampata o della Rai, che lavorano a Roma.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!