Prosegue impegno Caritas "Spoleto-Norcia" a fianco dei terremotati - Tuttoggi

Prosegue impegno Caritas “Spoleto-Norcia” a fianco dei terremotati

Redazione

Prosegue impegno Caritas “Spoleto-Norcia” a fianco dei terremotati

Mer, 14/10/2020 - 15:36

Condividi su:


Prosegue impegno Caritas “Spoleto-Norcia” a fianco dei terremotati

Progetti a sostegno del commercio, dell’agricoltura, del terziario in genere, di famiglie e singoli colpiti dal sisma del 2016

Proseguono i progetti di prossimità della Caritas diocesana di Spoleto-Norcia alle persone che vivono nei Comuni del cratere sismico: Arrone, Cascia, Cerreto di Spoleto, Ferentillo, Montefranco, Monteleone di Spoleto, Norcia, Poggiodomo, Polino, Preci, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino, Sellano, Spoleto e Vallo di Nera.

Granelli di Senape”. È attivo dal 2017 ed è finanziato con una donazione della Caritas della diocesi di Bolzano-Bressanone, gemellata con quella di Spoleto-Norcia da dopo le violente scosse sismiche del 2016. L’obiettivo è sostenere i settori dell’agricoltura-allevamento, dell’artigianato e del commercio-ristorazione, ma anche famiglie e singoli in difficoltà economica. Il contributo erogato può arrivare ad un massimo di 7.500,00 euro. La dotazione iniziale era di 350.000,00 euro; il residuo ancora a disposizione è di circa 90.000,00 euro. 56 sono state finora le domande presentate: 48 accolte, 3 ritirate e 5 respinte. Per accedere è necessario compilare un’apposita domanda: una commissione dedicata valuterà le domande. Info presso la Caritas diocesana: 0743 220485; 353 4058960; caritas@spoletonorcia.it.

Il dopo è già adesso: terremoto e Covid-19, emergenza nell’emergenza. Progetto ai nastri di partenza. È finanziato con i fondi della colletta nazionale che Caritas Italiana organizzò in occasione dei terremoti del Centro Italia del 2016. Alla Caritas di Spoleto-Norcia è stato assegnato un budget di 95.000,00 euro. Tale progetto è stato pensato in riferimento alla doppia emergenza terremoto-Covid-19: nella zona del cratere del sisma, infatti, sono emerse particolari difficoltà delle imprese del settore terziario nel riprendere le attività, con conseguente rischio di riduzione della forza lavoro o addirittura di chiusura. L’iniziativa è pertanto rivolta al settore terziario: bar, ristoranti, piccoli agriturismi, negozi, luoghi di divertimento/intrattenimento, agenzie di viaggio ecc… (a titolo esemplificativo e non esaustivo). Il contributo può arrivare ad un massimo di 5.000,00. Anche qui è necessario fare domanda, presentare la relativa documentazione e un’apposita Commissione vaglierà le richieste. Info presso la Caritas diocesana: 0743 220485; 353 4058960.

Don Edoardo Rossi direttore della Caritas diocesana. «La nostra Chiesa diocesana esprime gratitudine a Caritas Italiana e a quella di Bolzano-Bressanone: è grazie alla loro vicinanza e a quanto hanno raccolto a favore delle nostre popolazioni terremotate se possiamo tendere ancora una mano di prossimità a quanti portano il peso del post sisma 2016. Attraverso la carità, poi, nascono dei profondi legami di amicizia, meglio di vera comunione tra Chiese particolari e tra queste e la Chiesa che è in Italia. Come Caritas impegnata nella zona del cratere – prosegue don Rossi – cercheremo di mettere sempre di più al centro della nostra azione la ri-edificazione della comunità, morale e materiale, per avviare quei segni di riscatto e speranza tanto desiderati dalle persone e troppo affossati dalla burocrazia. Il Covid-19, poi, ha aggravato la già precaria situazione dei terremotati e, purtroppo, ha reso precaria anche quella dei non terremotati. E lo abbiamo sperimentato durante il confinamento con il progetto che ho coordinato “Siamo tutti sulla stessa barca”. Come Chiesa, come Caritas, ci siamo, non ci tiriamo indietro. Dio – ci ha ricordato papa Francesco – ci dà la sua salvezza camminando con noi, avvicinandosi a noi in Gesù: “Non si può fare l’aiuto dalla distanza. Bisogna toccare, toccare le piaghe; sono le piaghe di Gesù”. Questo vuole essere il leitmotive del mio servizio in Caritas: tra i terremotati, nelle Opere Segno, nell’ascolto delle persone e finanche nel lavoro burocratico che sta dietro alla carità. Ai volontari e ai dipendenti della Caritas non proporrò dunque un progetto articolato, ma a ciascuno chiederò di non stancarsi di “essere la carezza misericordiosa del Signore”».

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!