Presentato il 50° Trofeo Luigi Fagioli, si apre con una mostra dedicata al pilota - Tuttoggi

Presentato il 50° Trofeo Luigi Fagioli, si apre con una mostra dedicata al pilota

Redazione

Presentato il 50° Trofeo Luigi Fagioli, si apre con una mostra dedicata al pilota

La gara del 23 agosto sarà preceduta da numerosi eventi che celebrano l'edizione storica/ Ad aprile sarà esposta l'Alfa Romeo 158 del Mondiale 1950 di F1
Sab, 28/03/2015 - 09:13

Condividi su:


Presentato il 50° Trofeo Luigi Fagioli, si apre con una mostra dedicata al pilota

La gara è il 23 agosto ma a Gubbio scatta già il 2 aprile, con una mostra sul grande pilota, il programma di eventi del 50° Trofeo Luigi Fagioli. Nel 2015 la prova umbra del Campionato Italiano Velocità Montagna festeggia un’edizione storica con numerosi appuntamenti a tema, presentati ieri pomeriggio in Comune dal sindaco Filippo Mario Stirati e l’assessore Francesco Pierotti, dall’assessore regionale allo sport Fabio Paparelli, dal direttore dell’Automobile Club Perugia Sandro Simonetti, dal presidente del Coni Umbria Domenico Ignozza e dagli organizzatori del Comitato Eugubino Corse Automobilistiche.

La mostra – Presenti pure il nipote di Fagioli, Marco, e Gianluca Sannipoli, curatore della mostra “Luigi Fagioli – Un grande campione dell’automobilismo”, che sarà aperta dal 2 al 20 aprile alla Galleria della Porta nel centralissimo Corso Garibaldi a Gubbio. Clou dell’esposizione sarà l’Alfa Romeo 158 in arrivo dal Museo Storico dell’Alfa Romeo di Arese. Si tratta della monoposto con cui Fagioli, nato a Osimo (AN) ed eugubino di adozione, pilota più anziano ad aver mai vinto un Gran Premio di Formula 1 (Francia 1951), partecipò al Mondiale 1950, compagno di squadra di Farina e Fangio. Inoltre, i visitatori potranno ammirare cimeli storici del pilota e documentazione cartacea, video e foto legata alla sua attività.

Gli eventi – Contestualmente alla presentazione con gli enti coinvolti è stato istituito il tavolo del 50esimo, che prevede ulteriori eventi sui quali si sta lavorando. Tra aprile e luglio ci saranno un concorso fotografico aperto a tutti, uno di disegni per le scuole elementari e un convegno sulla sicurezza stradale, che coinvolgerà le superiori. Ad agosto, in previsione, un volume celebrativo promosso dal comitato e la mostra dedicata all’evento, capace di attraversare la storia delle corse ininterrottamente dal 1966 a oggi. Durante la mostra e il weekend di gara saranno diverse le ulteriori iniziative di contorno, tra cui una serata celebrativa venerdì 21 agosto con le premiazioni dei concorsi e la cerimonia del Memorial Barbetti. Poi, sabato 22 e domenica 23 agosto toccherà a motori e campioni delle cronoscalate riprendersi la doverosa scena in quella che è definita la “Montecarlo delle salite”.

La gara – La competizione automobilistica si corre sui 4150 metri da Gubbio a Madonna della Cima attraverso la Gola del Bottaccione, sito naturalistico e geologico di rilevanza mondiale. Sotto l’egida dell’ACI, la gara è aperta ad auto moderne e storiche e piloti italiani e stranieri. Le massime titolazioni tricolori, Campionato Italiano Velocità Montagna (CIVM), per il quale il Trofeo Fagioli varrà come prima finale, e Trofeo Italiano Velocità Montagna (TIVM) rendono l’evento cruciale per la specialità. Il quartier generale è confermato nel complesso di San Benedetto, che arricchisce l’esclusiva zona paddock/partenza in pieno centro. Venerdì 21 agosto in programma le verifiche tecniche e sportive. Sabato 22 si disputano le due sessioni di prove ufficiali e domenica 23 gara-1 e gara-2Premiazioni nel chiostro di San Benedetto. Vincitore 2014 Simone Faggioli su Norma M20 Fc Zytek.

Aggiungi un commento