Perugia-Ancona, appello bipartisan al ministro Toninelli - Tuttoggi

Perugia-Ancona, appello bipartisan al ministro Toninelli

Redazione

Perugia-Ancona, appello bipartisan al ministro Toninelli

L'Ance: prima di chiedere alle piccole imprese di riprendere i lavori si paghi loro il dovuto
Lun, 19/11/2018 - 15:10

Condividi su:


Sulla Perugia-Ancona i parlamentari umbri si appellano al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, perché convochi un tavolo ministeriale, come richiesto dalle Regioni Umbria e Marche, al fine di risolvere la situazione legata alla richiesta di concordato preventivo da parte della ditta Astaldi, che si era aggiudicata i lavori. Una crisi, quella del Gruppo Astaldi, che oltre a ritardare ulteriormente la consegna dell’opeera, sta creando serie difficoltà ai fornitori ed alle aziende subappaltatrici umbre e marchigiane, con un migliaio di lavoratori che rischiano di perdere le loro spettanze.

All’incontro, chiesto dal presidente di Ance Umbria, Stefano Pallotta, erano presenti i parlamentari umbri Tiziana Ciprini (5 Stelle), Raffaele Nevi (Forza Italia) Walter Verini (Partito democratico), Franco Zaffini (Fratelli d’Italia) e Virgino Caparvi (Lega Nord). Insomma, maggioranza e opposizione, unite, una volta tanto, di risolvere una situazione critica, che rischia di assestare un duro colpo all’economia dell’Umbria e delle Marche e soprattutto alla fascia appenninica.

Si tratta di una situazione difficile – scrivono i cinque parlamentari – ma, pure nella vicenda del concordato, si possono e debbono trovare soluzioni immediate per garantire alle imprese e ai lavoratori il saldo delle spettanze e la conseguente ripresa dei lavori. Su questo – assicurano – ci sarà il pieno sostegno di tutti i parlamentari dell’Umbria“. Un appello, quello inviato al ministro Toninelli, sottoscritto anche da alcuni parlamentari (come Anna Ascani del Pd e Filippo Gallinella del M5s) che non hanno potuto partecipare all’incontro per precedenti impegni, ma che hanno rappresentato al presidente Pallotta la loro adesione a questa azione.

Il presidente di Ance ha ricordato che sulla Perugia-Ancona sono “saltati”, entrando in procedure concorsuali, ben tre contraenti generali, in sequenza. “Qualcuno – ha sottolineato Pallotta – ha detto che questa nuova strada è lastricata di fallimenti; purtroppo non soltanto delle imprese generali ma anche delle piccole e piccolissime imprese locali che hanno partecipato in qualità di affidatarie, fornitrici e subappaltatrici. Era stata promessa ricchezza al territorio attraversato dal progetto quadrilatero, non rovine e distruzione!“.

Per l’Ance, la Perugia-Ancona non può essere fatta “sulla pelle” delle piccole imprese: “Questa volta – afferma – siamo in presenza di una novità con la quale si dovrà fare i conti: le imprese in questione non solo non vogliono ma non sono materialmente in grado di riprendere i lavori senza avere assicurazioni certe sui propri crediti, così potendo allentare la morsa finanziaria ed economica che le attanaglia“.

Dunque, prima di riattivare il cantiere della Perugia-Ancona, fatto da tutti auspicato, si chiede che vengano prima risolte le conseguenze legate al concordato preventivo della Astaldi.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!