Ospedale Pantalla, "finora rispettate le riaperture" | Ma si prepara la mobilitazione per il 2 giugno

Ospedale Pantalla, “finora rispettate le riaperture” | Ma si prepara la mobilitazione per il 2 giugno

Redazione

Ospedale Pantalla, “finora rispettate le riaperture” | Ma si prepara la mobilitazione per il 2 giugno

La Usl 1 comunica i servizi riattivati nella Fae 2 Covid e annuncia le novità per Medicina e Pronto soccorso | Le manifestazioni di Comitato e gruppo Facebook
Dom, 31/05/2020 - 12:12

Condividi su:


Ospedale Pantalla, “finora rispettate le riaperture” | Ma si prepara la mobilitazione per il 2 giugno

Ospedale Media Valle del Tevere di Pantalla, rispettato il cronoprogramma per la Fase 2. Anche se i residenti premono per riavere in pieno il proprio ospedale e preparano la manifestazione.

La nota della Usl 1

Il cronoprogramma, predisposto da Usl Umbria 1 e Regione Umbria, è stato fino a questo momento rispettato nei minimi dettagli, garantendo la sicurezza dei pazienti e degli operatori riguardo ai possibili contagi del virus con ingressi separati e igiene delle strumentazioni e degli ambienti” comunica l’Azienda sanitaria. 

Potenziamento

Che annuncia: “Grazie all’esperienza maturata durante i mesi dell’emergenza, il presidio ospedaliero della Media Valle del Tevere sarà valorizzato con il mantenimento di aree semintensive dotate di tecnologie di monitoraggio dei paramenti per il trattamento e la gestione dell’insufficienza respiratoria, dell’ictus e dello scompenso cardiaco”.

Il miglioramento dell’offerta sanitaria consentirà di dare risposte adeguate alla comunità e di fare gioco di squadra con l’ospedale Santa Maria della Misericordia per altre aree di intervento. 

La dialisi

Per quanto riguarda la dialisi, l’attività è ripresa normalmente, secondo il cronoprogramma, mentre la diagnostica per immagini sta terminando la lista delle prestazioni prenotate e poi sospese a causa dell’emergenza Covid-19. 

Centro procreazione e cardiologia

Dalla prossima settimana – informa ancora la Asl – riprenderanno le prestazioni del centro di procreazione medicalmente assistita e per quanto riguarda la cardiologia si sta lavorando ad un programma di attività di secondo livello per la presa in carico di pazienti dimessi con danno miocardico o cardiochirurgico dal dipartimento cardiotoracico dell’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia.

I pazienti Covid

Al momento ci sono anche 4 pazienti guariti dal Covid che sono ricoverati in lungodegenza per completare il percorso di riabilitazione fisica e respiratoria.

Pronto soccorso e medicina

Medicina, invece, sarà organizzata per livelli assistenziali con un’equipe con competenze multidisciplinari.

Il pronto soccorso riaprirà il 15 giugno con distinti percorsi di accesso dedicati, al fine di garantire la sicurezza dei pazienti. Riprenderà anche la presa in carico dei pazienti per il Tdpa dello scompenso cardiaco con i medici di medicina generale del distretto della Media Valle del Tevere.

I timori dei residenti

Ma nella Media Valle del Tevere si continua a monitorare la situazione. Con preoccupazione. Soprattutto per quanto riguarda la chirurgia. Con i professionisti di Pantalla chiamati ad operare in altri ospedali. A Branca (altro ospedale inizialmente individuato come centro Covid, salvo la retromarcia per l’opposizione delle Istituzioni locali) si fanno problemi ad ospitare gli esterni.

Le mobilitazioni

Intanto, tra Comitato e gruppo Facebook, si preparano le mobilitazioni per la giornata del 2 giugno, nel rispetto delle norme anti Covid. E nel segno dello slogan “Rivogliamo il nostro ospedale”.

Il presidio organizzato dal Comitato potrà avere per questo un numero contingentato di partecipanti.

Il gruppo Facebook effettuerà una sorta di flash mob in piazza del Popolo a Todi.


Condividi su: