MONTEZEMOLO :"IL PUBBLICO IMPIEGO COSTA ALLO STATO UN PUNTO DEL PIL" - Tuttoggi

MONTEZEMOLO :”IL PUBBLICO IMPIEGO COSTA ALLO STATO UN PUNTO DEL PIL”

Redazione

MONTEZEMOLO :”IL PUBBLICO IMPIEGO COSTA ALLO STATO UN PUNTO DEL PIL”

Mer, 05/12/2007 - 18:03

Condividi su:


Tutto ha preso il via da queste dichiarazioni : «Compresi i giorni di ferie l'assenteismo nel pubblico impiego è del 30% superiore rispetto alle grandi imprese industriali. Azzerare del tutto le assenze diverse dalle ferie – ha spiegato il leader della confederazione degli industriali – porterebbe a un risparmio di quasi un punto di Pil, 14,1 miliardi: 8,3 negli enti centrali e 5,9 in quelli locali». E comunque «portare la quota di assenze totali, comprese le ferie, al livello di quelle nel settore privato darebbe un risparmio di 11,1 miliardi».

Il presidente di Confindustria aveva aggiunto anche : «Tra ferie e permessi vari un pubblico dipendente è fuori ufficio mediamente un giorno di lavoro su cinque. Tra i ministeri il top si raggiunge al ministero della Difesa, con 65 giornate di assenza in un anno, seguiti da ministero dell'Economia e da quello dell'Ambiente, entrambi con oltre 60 giorni. Altrettanto elevato è l'assenteismo nell'Agenzia delle Entrate. All'Inpdap si sfondano i 67 giorni». Sembrerà strano, ma c'è di peggio: più assenze dei ministeri si registrano infatti negli enti locali, tra i quali «spicca il Comune di Bolzano con 74 giorni di assenza all'anno, pari al 29% delle giornate lavorative. Oltre 70 giorni anche per il Comune di La Spezia e la Provincia di Ascoli Piceno».

Tuonano in Umbria “Sono inaccettabili le dichiarazioni di Montezemolo sull'assenteismo del pubblico impiego. La verità è che per quasi la metà dei 3milioni 500mila di lavoratori pubblici non è stato ancora rinnovato il contratto di lavoro del biennio 2006-2007. Non solo. Dai dati del ministero dell'Economia si evince che le assenze retribuite per legge, pari a 18,71, sono in calo rispetto agli anni precedenti”. Così, in una nota, il capogruppo di Rifondazione comunista Stefano Vinti critico con il presidente di Confindustria sull'azzeramento delle ferie “Dunque – commenta Vinti – secondo Montezemolo le ferie sarebbero un privilegio. Ma occorre ricordare – dice – che per i dipendenti pubblici valgono gli stessi diritti dell'intero mondo del lavoro. Altra cosa – puntualizza – è invece l'assenteismo ‘anomalo', per il quale la legge già prevede gli strumenti necessari per combatterlo”.”Noi – conclude Vinti – pensiamo che Confindustria farebbe bene a prendere sul serio la drammatica questione salariale che investe il paese, preoccupandosi anche di quanto la scarsa capacità di innovazione e ricerca delle aziende italiane incide sul Pil”.

Piccante il commento del Segretario Generale della Cisl Raffaele Bonanni:”«Che Montezemolo abbia reagito al no che il governo ha opposto agli incentivi alla rottamazione delle auto in Finanziaria ?».

carvan


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!