Maran Spoleto, via allo sciopero | Incontro flop, protesta prosegue

Maran Spoleto, via allo sciopero | Incontro flop, protesta prosegue

Sara Fratepietro

Maran Spoleto, via allo sciopero | Incontro flop, protesta prosegue

Si pensa a una manifestazione sotto la Regione, rinnovata la richiesta di un tavolo | Nel pomeriggio assemblea dei lavoratori AGGIORNAMENTO
Lun, 18/12/2017 - 10:28

Condividi su:


Maran Spoleto, via allo sciopero | Incontro flop, protesta prosegue

Aggiornamento alle ore 23 – Proseguirà anche martedì 19 dicembre lo sciopero dei dipendenti del gruppo Maran di Spoleto che nel pomeriggio si sono riuniti in assemblea dopo che la proprietà ha chiesto un incontro ai rappresentanti sindacali. La richiesta di incontro era arrivata ai sindacati sabato dall’azienda, dopo la conferma che questa settimana si sarebbe dato vita alla manifestazione di protesta. Ed alle 14, quindi, c’è stato l’incontro con la proprietà, che sarebbe stato però un vero e proprio flop: senza mettere nulla sul tavolo, è stato chiesto ai lavoratori di sospendere lo sciopero in corso. Richiesta che però è stata rispedita al mittente, come deciso più tardi dai dipendenti.

Intanto i sindacati fanno sapere che lo sciopero ha raccolto oggi l’adesione di oltre il 75% dei lavoratori. Domani si replica per l’intero turno di lavoro, con presidio davanti ai cancelli dalle ore 8.30 alle 9.30. “Purtroppo l’azienda, nonostante la forte richiesta che arriva dai lavoratori in sciopero, non ha fatto alcuna apertura concreta – spiegano Cristina Taborro (Filcams Cgil), Simona Gola (Fisascat Cisl) e Paolo Pierantoni (Uilcom Uil) – per questo, oltre ad aver confermato l’astensione dal lavoro anche per domani, abbiamo anche chiesto ufficialmente un incontro in Regione Umbria per aprire una vera e propria vertenza Maran, azienda fondamentale, con i suoi quasi 400 dipendenti, per un territorio, come quello di Spoleto, già in gravissima difficoltà”. 


Nonostante il freddo, un folto gruppo dei lavoratori della Maran Spoleto si sono ritrovati questa mattina fuori dalla sede di Santo Chiodo per il presidio organizzato in concomitanza con lo sciopero di due giorni proclamato la scorsa settimana. Insieme ai lavoratori c’era i rappresentanti sindacali, che hanno annunciato anche la richiesta – arrivata sabato dalla proprietà – di un incontro, che si terrà nel primo pomeriggio di oggi.

Al termine i sindacati incontreranno i dipendenti della Maran in assemblea per aggiornarli e per decidere insieme ulteriori azioni da portare avanti. Al momento lo sciopero rimane confermato per l’intera giornata di oggi e per quella di domani. Il tutto dopo che la scorsa settimana l’azienda ha pagato metà stipendio di novembre, annunciando per mercoledì il pagamento di un terzo della quattordicesima, che i lavoratori attendono da luglio. Ma ci sono anche altre spettanze arretrate: un altro terzo di quattordicesima, il saldo di ottobre, la metà di novembre e la tredicesima.

Dai sindacalisti è arrivato l’auspicio di buone nuove, ma soprattutto un nuovo appello alla Regione Umbria per la convocazione di un tavolo. E se non ci saranno risposte – come accaduto finora – verrà organizzata una manifestazione proprio a Perugia, come hanno annunciato Simona Gola (Cisl) e Cristina Taborro (Cgil).


Maran Spoleto, 2 giorni di sciopero | “Costretti ad indebitarci”


“La Maran non è meno della Perugina e della Colussi e ci devono ascoltare” ha evidenziato Taborro.


Condividi su:


Aggiungi un commento