Madonna della Cintola di Gozzoli, tra i “migliori progetti culturali e di restauro”

Madonna della Cintola di Gozzoli, tra i “migliori progetti culturali e di restauro”

Il sindaco Donatella Tesei: “Risultati che ripagano un grande lavoro di squadra e di territorio”

share

 Il progetto della Madonna della Cintola di Benozzo Gozzoli riconosciuto tra i “migliori progetti culturali e di restauro del 2015”. La preziosa pala di altare è stata infatti inserita nel  “meglio delle pagelle del 2015” a seguito della votazione promossa dal  Giornale dell’arte, il mensile di informazione che seleziona e riferisce i fatti e le opinioni rilevanti del settore in tutto il mondo.

Un ulteriore riconoscimento che premia il lavoro dell’amministrazione comunale che nell’ultimo anno ha portato la città di Montefalco alla ribalta nazionale e internazionale per un grande progetto culturale che ha registrato numeri record: ad oggi sono stati 30mila i visitatori che hanno voluto ammirare la Madonna della Cintola di Benozzo Gozzoli in mostra al Complesso museale di San Francesco,  la splendida pala di altare tornata in città dopo 167 anni dopo una prestigiosa operazione di restauro eseguita dai Musei Vaticani con il contributo degli imprenditori del territorio. Un grande successo, tanto che la mostra è stata prorogata fino al 30 aprile.

Nei giorni scorsi è arrivata anche la comunicazione che l’evento “Il miracolo di azzurro e oro” è stato censito nel portale italive.it e ammesso alle votazioni per il “Premio Italive 2015”,  l’iniziativa promossa dal Codacons con la partecipazione di Autostrade per l’Italia e la collaborazione di Coldiretti. Italive.it informa gli automobilisti su quello che accade nel territorio che attraversano e presenta un calendario aggiornato dei migliori eventi organizzati, anche alla scoperta di eccellenze enogastronomiche.

La città di Montefalco fa così un balzo in avanti identificandosi sempre di più non soltanto per il pregiato Sagrantino prodotto dalle sue terre, ma anche per l’arte e i progetti culturali di elevato livello, come sostenuto anche  dal critico d’arte-giornalista-conduttore televisivo Philippe Daverio: “Qui vive la cultura del bello e del buono. Montefalco è la sintesi perfetta di un’Italia ricca e ineguagliabile. E’ una  città che si identifica per l’unicità del suo brand”.

Spiega il sindaco Donatella Tesei: “Questi risultati ripagano un grande lavoro di squadra e di territorio e sono da stimolo per continuare a lavorare seriamente su progetti che promuovono Montefalco e l’Umbria in Italia e nel mondo”.

Il 2016 si preannuncia come un anno di nuove e entusiasmanti iniziative a Montefalco: si parte il 22 e 23 febbraio con  la seconda edizione di Anteprima Sagrantino, l’evento, organizzato dal Consorzio Tutela Vini Montefalco che accoglierà esperti da tutto il mondo per la presentazione ufficiale dei vini introdotti sul mercato nel 2016 e con i riflettori puntati sull’annata 2012.

“Il proficuo lavoro svolto nel 2015 per lo svolgimento di progetti culturali e lo sviluppo del comparto turistico – aggiunge l’assessore con delega alle manifestazioni Daniela Settimi –  ha portato grandissimi risultati che sono oggisotto gli occhi di tutti. L’incremento dei visitatori del Museo e delle percentuali di affluenza turistica soprattutto nei mesi di svolgimento della Mostra straordinaria della Madonna della Cintola ci spinge ad investire il nostro impegno su questo tipo di progetti che coinvolgono i settori fondamentali per la crescita e lo sviluppo economico della nostra città: cultura, turismo e enogastronomia”.

share

Commenti

Stampa