La Regione ritira il corso su identità di genere destinato ai dipendenti pubblici - Tuttoggi

La Regione ritira il corso su identità di genere destinato ai dipendenti pubblici

Redazione

La Regione ritira il corso su identità di genere destinato ai dipendenti pubblici

Esulta la Lega: Pil e disoccupazione a picco, la priorità della Giunta è l'indottrinamento della teoria gender
Mer, 27/03/2019 - 16:55

Condividi su:


La Regione ritira il corso su identità di genere imposto a 100 dipendenti pubblici. E la Lega esulta, dopo l’interrogazione depositata contro l’iniziativa, ennesima battaglia sul tema.

Il senatore Simone Pillon e il capogruppo Lega Umbria Valerio Mancini sono soddisfatti. “E’ bastato solo annunciare con un post Facebook la presentazione di una interrogazione in Regione per farlo sospendere” afferma Mancini, che ricorda le “numerose battaglie” della Lega “contro l’indottrinamento della teoria gender” che hanno visto rappresentanze regionali, ma anche i parlamentari con il senatore Simone Pillon, in prima linea verso quello che è stato definito  un “palese tentativo di indottrinare le masse“.

Abbiamo una Regione ai minimi storici per quanto riguarda il Pil pro capite – attaccano gli esponenti leghisti –  abbiamo lunghe liste di attesa e un sistema sanitario che non funziona, abbiamo strade che somigliano più a delle mulattiere che ad importanti vie di comunicazione, la disoccupazione è in aumento e i giovani sono costretti ad emigrare all’estero, ma l’unico pensiero della Giunta Marini sono i corsi sull’identità di genere a 100 dipendenti pubblici. Un’assurdità  – chiosano Mancini e Pillon  – se si pensa alle reali priorità di questa regione. Quanti soldi pubblici sono stati spesi per questo corso di formazione  e soprattutto quale credito possono avere associazioni come Omphalos o Arci Gay nazionale a tenere corsi di aggiornamento a dipendenti pubblici? Hanno certificati o autorizzazioni specifiche? Lo domanderemo in Consiglio regionale attraverso un’interrogazione alla quale seguirà una mozione dove la Lega chiederà la rimozione di tale corso. Dopo i fondi straordinari per gli immigrati, ora il Pd si inventa corsi di formazione tenuti da associazioni Lgbt: la campagna elettorale è aperta – concludono i leghisti  -. Il Pd in caduta libera di voti e consenso ha perso la bussola”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!