Indennità Covid pagata anche a medici e personale universitario

Indennità Covid pagata anche a medici e personale universitario

Redazione

Indennità Covid pagata anche a medici e personale universitario

Mer, 02/09/2020 - 12:32

Condividi su:


Indennità Covid pagata anche ai medici e al personale universitario. Al personale dell’Università degli Studi di Perugia in convenzione con il Sistema sanitario regionale è stata pagata l’indennità accessoria straordinaria, aggiuntiva a titolo di produttività/risultato una tantum. Indennità prevista dall’accordo siglato il 5 maggio 2020 tra le organizzazioni sindacali del comparto Funzione pubblica, dirigenza medica della CGIL, CISL, UIL oltre a COSMED e CIDA, la Regione Umbria e le Aziende del SSR finalizzata a remunerare l’impegno ed il rischio del personale tecnico-amministrativo coinvolto nella fase di gestione dell’emergenza connessa alla diffusione del COVID-19.

Le indennità Covid

Si tratta di 45 euro al giorno per i lavoratori prevalentemente e continuativamente impegnati in assistenza, emergenza, diagnostica e attività territoriali a favore pazienti Covid-19. A chi ha lavorato incidentalmente con pazienti Covid spetterà una diaria di 25 euro. A tutti gli altri 20 euro (10 per le giornate di lavoro in modalità smart working).

La Cisl: obiettivo raggiunto

La Cisl parla di obiettivo raggiunto: ” Un grande risultato di cui ne siamo veramente orgogliosi e soddisfatti. Per essere stati gli unici attori sindacali ad aver avanzato la richiesta in data 8 aprile 2020 (inviata per conoscenza a tutto il personale interessato). Per aver segnalato e rivendicato al tavolo della trattativa il giusto e doveroso riconoscimento dell’attività e dell’impegno del personale tecnico-amministrativo in convenzione con il SSR nella gestione di una fase emergenziale particolarmente delicata e rischiosa. Per aver condotto un “lavoro di squadra” che ha portato al raggiungimento di un obiettivo di grande rilievo confermando la forza e la determinazione che la Cisl mette a disposizione di iscritti e non iscritti”.

Il prossimo obbiettivo

La Cisl indica anche il prossimo obbiettivo: “Il nostro lavoro proseguirà per raggiungere quanto prima la definitiva risoluzione delle questioni pendenti legate sia al convenzionamento del personale in attesa ormai da tanti e tanti anni, sia alla rivisitazione di posizioni convenzionali per quelle unità di personale che ne hanno pieno diritto a fronte dell’acquisizione di requisiti previsti dalla normativa vigente”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!