INAUGURATO IMPORTANTE IMPIANTO FOTOVOLTAICO AL DOPOLAVORO FERROVIARIO DI FOLIGNO (Foto e video TuttOggi.info) - Tuttoggi

INAUGURATO IMPORTANTE IMPIANTO FOTOVOLTAICO AL DOPOLAVORO FERROVIARIO DI FOLIGNO (Foto e video TuttOggi.info)

Redazione

INAUGURATO IMPORTANTE IMPIANTO FOTOVOLTAICO AL DOPOLAVORO FERROVIARIO DI FOLIGNO (Foto e video TuttOggi.info)

Ven, 11/03/2011 - 10:22

Condividi su:


(Elisa Panetto)- 700 pannelli fotovoltaici di 90 kw/h di produzione complessiva per un totale di 100mila kw all’anno: sono solo alcuni numeri dell’impianto fotovoltaico di 350mila euro interamente realizzato e finanziato, senza nessun finanziamento pubblico, dal Dopolavoro Ferroviario di Foligno. Un’opera importante che, oltre a rendere l’associazione completamente autonoma – l’energia in eccesso verrà immessa nella rete Enel –, dimostra l’attenzione del direttivo folignate verso i temi dell’ambiente, dell’inquinamento e delle energie rinnovabili. L’obiettivo, però, è non fermarsi qui: tra i progetti c’è infatti anche la realizzazione di un impianto di riscaldamento che possa sfruttare l’energia prodotta dai pannelli fotovoltaici.

Il progetto di realizzazione dell’impianto è nato nel marzo del 2009 come uno dei primi impegni dell’attuale direttivo del Dlf folignate: dall’idea alla realizzazione, però, sono trascorsi circa 2 anni, non solo per la progettazione ed i preventivi ma anche e soprattutto a causa di difficoltà pratiche e burocratiche che hanno diviso il sogno dalla sua concretizzazione. “Più di una volta ho pensato di dover abbandonare viste le molte difficoltà, essendo il Dlf anche un’associazione no profit – racconta il presidente Ezio Spigarelli –, invece lo scorso ottobre si è sbloccata la situazione, anche grazie all’aiuto di persone che ci hanno messo negli uffici giusti. Ora sono molto soddisfatto. L’impianto ci permette di avere un’autonomia gestionale e ci fa risparmiare. Le risorse in più, oltre a pagare il mutuo, andranno a beneficio della comunità”. I lavori per la realizzazione dell’opera, affidati alla Cre Fotovoltaico s.r.l., sono iniziati a novembre e finiti nel dicembre 2010, mentre l’impianto è stato messo in funzione lo scorso 15 febbraio: sta producendo, ma si tratta ancora di una prima fase di monitoraggio. I 700 pannelli fotovoltaici, inoltre, sono stati montati all’interno della sede del Dopolavoro Ferroviario sul tetto di due strutture: una parte nella palazzina-bar (20 kw/h) ed un’altra nel salone dei concerti (70 kw/h).

Oltre al presidente Spigarelli, erano presenti alla conferenza stampa di presentazione dell’impianto, nella Sala Congressi del Dlf (via Piave 2/A), Goffredo Strappini, segretario dell’associazione Dopolavoro Ferroviario di Foligno, l’ingegnere Alessandro Lini, il progettista di Cre Fotovoltaico s.r.l., e Fulvio Ciotti di Ciotti Impianti Elettrici.

“L’impianto è stato collegato alla rete elettrica a febbraio – ha spiegato l’ingegnere Lini – e garantirà la quasi totalità dell’indipendenza: secondo i primi dati riuscirà a produrre circa 100mila kw all’anno. Ieri, in un giorno, ne sono stati raggiunti 400. Il progetto ha subito delle modificazioni anche perché in questi due anni la tecnologia è cambiata: ad esempio, abbiamo ridotto le superfici occupate per la copertura del tetto”. “Devo ringraziare le organizzazioni sindacali e i dirigenti delle Ferrovie dello Stato nelle pratiche, la Bcc che ci ha finanziato fidandosi, il Dlf di Roma per le firme a garanzia nell’irreparabile e la Cre Fotovoltaico s.r.l. per il buon prezzo” ha aggiunto Spigarelli, anticipando le attività: “vorremmo realizzare un campus a costo bassissimo per i soci per poter aiutare chi lavora. Inoltre, entro uno massimo due mesi e comunque prima delle vacanze estive, costruiremo un campo di calcetto nell’area adiacente al bocciofilo completamente recintato a voliera e in erba sintetica”.

È giunto da Roma anche Vito Tedesco, presidente della Patrimonio del Dlf Srl. “Il dopolavoro era in fitto dalle ferrovie e quando sono diventate spa abbiamo iniziato ad acquistare questi beni per metterli in sicurezza. A dicembre abbiamo acquistato quello di Foligno e per noi è un sogno che si realizza visto che per anni è stato precario. È un grande obiettivo raggiunto, un bene aperto alla collettività, per questo vogliamo lavorare in sinergia con il comune, senza restare chiusi nella cerchia dei ferrovieri, anche perché, ora, viene a mancare la materia prima. La nostra idea è dunque quella di aprirci alla collettività: non più lato binari ma lato città. Noi ci siamo e vogliamo dare una mano nel sociale. Quello di Foligno è il primo Dlf che accende l’interruttore del fotovoltaico: seguiranno Livorno, Treviso e Vicenza. Contiamo molto, dunque, sull’esperienza di Foligno e ringraziamo la Bcc per il finanziamento e la Cassa di Risparmio di Foligno per il mutuo a condizioni buone: questa sensibilità e attenzione non l’ho vista in altre parti d’Italia. Delle 111 associazioni territoriali, Foligno è l’unica rimasta in piedi dall’esperienza del ventennio ed è uno dei primi che abbiamo acquistato: è una realtà in evoluzione e apripista”.

Il Dopolavoro Ferroviario nasce per volontà dei lavoratori nel secondo dopoguerra. Negli anni settanta la struttura folignate prende corpo e forma e diventa un luogo di aggregazione, di incontro sociale e culturale. Questa l’anima che lo caratterizza ancora oggi. È infatti un luogo dove diverse realtà culturali, ricreative e sportive trovano spazi e sostegno per poter concretizzare e portare avanti nel tempo iniziative e progetti. Le iniziative attive presso il Dlf sono:

-Foto club

-Gruppo archeologico

-Gruppo numismatico e filatelico

-Gruppo teatrale

-Gruppo ballo

-Gruppo pittura

-Gruppo scherma

-Gruppo pattinaggio

-Gruppo bocciofila

-Gruppo ciclismo

-Gruppo calcio e calcetto

-Gruppo scacchi

-Gruppo bonsai

-Corsi di ginnastica

-Gruppo fermodellismo

© Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!