Il sopralluogo al Curi per Perugia - Ascoli riapre il dibattito sullo stadio

Il sopralluogo al Curi per Perugia – Ascoli riapre il dibattito sullo stadio

Redazione

Il sopralluogo al Curi per Perugia – Ascoli riapre il dibattito sullo stadio

Mar, 24/08/2021 - 18:45

Condividi su:


Verifiche di routine della Commissione provinciale | Pastorelli ai tifosi preoccupati: si sta facendo ciò che si deve sul vecchio sperando nel nuovo stadio

Sopralluogo della Commissione provinciale vigilanza allo stadio “Renato Curi” in vista della partita Perugia – Ascoli di sabato, esordio interno per i Grifoni nel campionato di Serie B.

Un sopralluogo che è un atto dovuto per gli spazi che ospitano grandi eventi, ma che ha riaperto il dibattito sui lavori di adeguamento del “Curi” e sulla costruzione del nuovo impianto.

Pastorelli: intanto si lavora sul vecchio sperando nel nuovo stadio

Numerosi infatti i commenti al post dell’assessore comunale allo Sport Clara Pastorelli, in cui si lamentano le cattive condizioni dell’impianto e i ritardi in merito al progetto che dovrebbe portare alla realizzazione del nuovo “Curi”. “Entro i prossimi mesi sapremo in modo definitivo anche per il tanto agognato nuovo stadio” ha scritto l’assessore rispondendo alle sollecitazioni dei tifosi. Aggiungendo poi: “Si sta facendo tutto ciò che si deve fare sul vecchio e per il futuro speriamo nuovo stadio”.

Perché il nodo sta proprio in questo: servono tanti soldi per adeguare il vecchio “Curi” e non ci sono ancora certezze sull’investimento per dotare Perugia di un nuovo impianto.

Spettatori, capienza limitata

Intanto, per la partita con l’Ascoli, tra agibilità e limitazioni agli ingressi legati al Covid, sono ammessi 5.300 spettatori. Una capienza ben lontana dalle partite d’altri tempi. Ma in linea con l’attuale Serie B, almeno vedendo gli spettatori della prima giornata. Che oscillano tra i 5.800 di Reggio Calabria ai 955 del minuscolo stadio di Lignano Sabbiadoro dove si è disputata la partita Pordenone – Perugia. Un calo di spettatori dovuto alle restrizioni delle norme anti Covid (per l’ingresso serve il Green pass) e alle dirette tv e in streaming che tengono lontani, almeno in Italia, tanti tifosi dagli stadi. E, ovviamente, al fatto che si è ancora nel mese di agosto.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!