Giulietta e Romeo, tra Shakespeare, Fellini e sagra paesana. La rilettura di Filippo Timi - Tuttoggi

Giulietta e Romeo, tra Shakespeare, Fellini e sagra paesana. La rilettura di Filippo Timi

Redazione

Giulietta e Romeo, tra Shakespeare, Fellini e sagra paesana. La rilettura di Filippo Timi

Ven, 11/11/2011 - 11:17

Condividi su:


“Giuliett'e Romeo m'engolfi l' core, amore”: rilettura in volgare umbro della celeberrima tragedia di Shakespeare a cura dell’ormai famoso Filippo Timi
Filippo, l'ha scritta, la dirige ne cura ogni dettaglio. Poteva limitarsi alla traduzione e già sarebbe stato straordinario perché per tradurre un poeta, bisogna essere poeti, però Filippo ha fatto qualcosa di diverso: reinventando completamente la storia l'ha fatta sua, la resa qualcos'altro.
Lui che odia il teatro impostato, che non si prende troppo sul serio, che pensa sia sano ridere e divertirsi in scena, ne ha fatta un'ambientazione naive che ricorda il circo, le sagre, per far capire che Shakespeare appartiene a tutti, anche a chi non ha studiato.
Racconta, Timi, che all'inizio voleva fare lui Romeo, ma quando ai provini ha incontrato Luca
Rondolini, ha capito che sarebbe stato perfetto e ha messo da parte il suo ego: ha riscritto allora il testo, l'ha cambiato totalmente e si è inventato il personaggio di Cupido, che in effetti è il dio regista dell'amore e si sposa benissimo con la sua idea di ''teatraccio''.
E' questa innegabilmente la stagione del ritorno al dialetto: dialettarsi è un po' ''salvare'' la cultura della città, della quale il perugino è la sua massima espressione. ''La peruginitudine'' per dirla come il suo grande cantore Giacomo Santucci , è uno stato d'animo, un modo di essere ''uomini di pietra e di vento'', è saper riconoscere ed amare la tramontana che scende da Porta sole e che taglia la faccia, indurisce la pelle e intenerisce il cuore. E' saper guardare la città con l'occhio di un innamorato.
Grazie Filippo di averci fatto ridere e sognare, ma anche pensare, riflettere e un po' patire, arrivando inconfutabilmente ai cuori di tutti noi.
RMG

Giuliett'e Romeo, il debutto a Spolet54

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!