Furti in campagna: nel mirino adesso i vitigni. L'allarme della CIA - Tuttoggi

Furti in campagna: nel mirino adesso i vitigni. L'allarme della CIA

Redazione

Furti in campagna: nel mirino adesso i vitigni. L'allarme della CIA

Ven, 07/09/2012 - 12:59

Condividi su:


Alessia Chiriatti

La crisi si era già fatta sentire tra le filiere agricole: ma questa volta non si tratta di siccità o rincaro dei prezzi, bensì dei furti in campagna, che, a quanto dichiarato dalla CIA, la Conferenza Italiana Agricoltori, quest'anno colpisce anche la vendemmia. Non solo polli, rame e trattori: a fare impennare del 70% in più rispetto agli ultimi dieci anni i furti, sarebbe proprio l'uva. Si sono registrati, infatti, 150 episodi al giorno, che causano un danno al settore di ben 4,5 miliardi l'anno. Una cifra alla quale sarebbero attenti i ladri ed i malfattori che sanno quanto il mercato vitivinicolo frutti, ben superiore ai 3 miliardi sottratti all'anno dai taccheggiatori nei supermecati. I furti avverrebbero inoltre durante le operazioni di raccolta.

''Negli ultimi due anni – spiega la Cia – si registra un aumento superiore al 70 per cento rispetto al periodo che va dal 1999 al 2010, quando il numero dei furti oscillava tra gli 80 e i 90 al giorno''.

''Quello della sicurezza -afferma il presidente della Cia Giuseppe Politi- e' fenomeno estremamente preoccupante soprattutto per le aziende isolate, particolarmente esposte a pericoli quotidiani. E' per questo che chiediamo maggiore vigilanza nelle aree rurali per non lasciare soli gli agricoltori''.

La raccolta 2012: Dopo la pioggia dei giorni scorsi, l'anticiclone Bacco non si è fatto attendere ed ha riservato all'agricoltura, e al vino, quanto il suo nome fa presagire. Il caldo e il bel sole di questi giorni garantiscono una buona raccolta, e la possibilità di effettuare le operazioni anche laddovè è più difficile, ossia nelle zone collinari, dove avviene tutto manualmente.

Per quest'anno tuttavia sembra che la produzione sia in calo del 5%, ma la raccolta di uva di buona qualità garantirà comunque una produzione stimata sui 40,5 milioni di ettolitri di vino.

Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!