Fumogeno e petardo al Curi, Daspo a un tifoso: la sanzione

Fumogeno e petardo al Curi, Daspo a un tifoso: la sanzione

Redazione

Fumogeno e petardo al Curi, Daspo a un tifoso: la sanzione

Lun, 12/09/2022 - 18:38

Condividi su:


Condotta pericolosa nel settore ospite durante la partita Perugia - Lecce dello scorso campionato: niente stadi per un anno e mezzo

Dovrà restare lontano dai campi di gioco di tutta Italia un anno e mezzo il tifoso del Lecce che al Curi aveva acceso un fumogeno e lanciato un petardo in campo.

La polizia di Stato di Perugia informa che ha emesso un provvedimento di DASPO nei confronti di un uomo – classe 1976 – che lo scorso 6 marzo, nel corso della partita di calcio Perugia – Lecce valevole per il campionato di serie B, si era reso responsabile dell’accensione di un fumogeno – nel settore riservato alla tifoseria ospite – e del lancio di un petardo all’interno dello stadio “Renato Curi” di Perugia, in prossimità del terreno di gioco.

Grazie alle indagini e all’attenta visione delle immagini del sistema di videosorveglianza nonché alle riprese effettuate dalla Polizia Scientifica, il personale della DIGOS è riuscito a risalire all’identità del 46enne. La gravità delle condotte, la presenza di altri tifosi nel settore in cui è stato acceso il fumogeno, la vicinanza ai calciatori del punto in cui è stato lanciato il petardo e il pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica hanno indotto il questore a emettere, nei confronti dell’uomo, il DASPO.

Il provvedimento vieterà al 46enne l’accesso – su tutto il territorio nazionale – ai luoghi in cui si svolgono le manifestazioni sportive di calcio, di Coppa Italia, di coppe internazionali, di campionato e le amichevoli delle squadre di calcio militanti in campionati nazionali professionistici e dilettantistici iscritte alla F.I.G.C. per la durata di 1 anno e 6 mesi.

All’uomo sarà inoltre interdetto – a partire da due ore prima e sino a due ore dopo la conclusione della manifestazione sportiva – l’accesso e lo stazionamento in un’area ricompresa in 400 metri di distanza dai luoghi antistanti lo stadio, le stazioni ferroviarie interessate dall’arrivo o dalla partenza dei tifosi, i parcheggi pubblici serventi gli impianti sportivi, i luoghi di allenamento e i ritiri delle squadre di calcio.

L’eventuale violazione del divieto potrà essere punita con la pena di reclusione da uno a tre anni e con la multa da 10mila a 40mila euro.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!