Eugenio Guarducci si dimette da assessore | La giunta ringrazia, ma fuoco amico fatale

Eugenio Guarducci si dimette da assessore | La giunta ringrazia, ma fuoco amico fatale

I primi critici dell’ex assessore sono stati gli esponenti della maggioranza guidata dal sindaco Proietti. E ora tutti sognano l’assessorato a cultura e turismo

share

Dopo la sceneggiata napoletana delle dimissioni date e ritirate nel luglio 2017 a causa della pioggia di critiche, anche dalla sua stessa maggioranza, per il mezzo flop di Universo Assisi, è un’altra manifestazione creata ex novo, Tra_Me Giallo Fest Assisi, a risultare fatale a Eugenio Guarducci, che la maggioranza ha ‘licenziato’ nel corso di un’infuocata riunione nella quale sono emerse tutte le perplessità su un assessore che, nel giro di due anni, ha saputo alienarsi le simpatie della città (da uno dei tavoli da lui creati, Assist Cultura, si sono dimessi praticamente metà dei componenti) ma anche della stessa maggioranza che lo sostiene.

Ufficialmente la nota del Comune ringrazia l’architetto per il lavoro svolto: “In un momento di particolare disagio derivante dai noti eventi calamitosi del 2016, che hanno provocato un danno indiretto significativo nel settore del turismo – è scritto nella nota firmata dall’amministrazione – la sapiente e immaginifica attività di Eugenio Guarducci ha fatto sì che ci fosse una inversione di tendenza, riscontrabile e certificabile dai dati statistici di arrivi e presenze. Questo si deve alle sue tante iniziative, che hanno riportato all’attenzione regionale e nazionale la Città di Assisi. Pur consapevoli del venir meno dell’apporto delle sue riconosciute capacità che subisce la compagine amministrativa, confermiamo con forza che la nostra stella polare resta il programma amministrativo che abbiamo presentato agli elettori e che è stato da loro promosso. Gli interpreti dell’attuazione di questo programma possono anche cambiare, quello che non cambierà è il nostro spirito di servizio ai cittadini di Assisi nella continuità del lavoro già proficuamente impostato”.


Ad Assisi si apre il ‘caso grandi eventi’: tra scarsa pubblicità e fuoco amico, perché gli eventi fanno flop?


In realtà, i primi critici dell’assessore sono stati i consiglieri di maggioranza cui facevano gola i fondi stanziati per il turismo – circa un milione di euro che secondo alcuni Guarducci ha gestito come se fossero ‘cosa sua’ – ma anche e soprattutto la luce che gestire l’assessorato cui fa capo la prima economia del territorio può dare.

Intanto la minoranza celebra: tra le prime reazioni, quelle del Movimento 5 Stelle e della Lega Nord. .“La scelta di Guarducci è stata funzionale per ottenere più risorse e di questo gliene siamo grati, ma poi ha gestito l’assessorato al turismo a ‘tempo perso’: inutile ottenere fondi e buttarli, il lavoro da assessore va fatto con altra dedizione”, scrive Fabrizio Leggio, mentre per Stefano Pastorelli della Lega Nord, “dopo l’ennesimo fiasco di questa non-amministrazione, anche la sindaca dovrebbe riflettere sul suo operato e sulla sua capacità amministrative”

share

Commenti

Stampa