“Dimissioni irrevocabili del sindaco”,  l’affondo di Crescimbeni

“Dimissioni irrevocabili del sindaco”, l’affondo di Crescimbeni

Terni, il centrodestra e liste civiche pronti a ricostruire la città | Timore per il “valzer” delle dimissioni presentate, richieste e respinte

share

Mentre la città dell’acciaio attende di dipanare tutti gli interrogativi sul suo prossimo futuro politico-amministrativo, chi non ha dubbi su come sia necessario agire, è l’ex candidato sindaco Paolo Crescimbeni, che a nome del centrodestra e “delle liste civiche che lo fiancheggiano” chiede le “dimissioni irrevocabili del sindaco Leopoldo Di Girolamo”.

L’affondo è arrivato durante la conferenza stampa di questa mattina, convocata per fare il punto sul terremoto che sta squassando la Conca: prima la bocciatura del ricorso presentato da Palazzo Spada alla Corte dei conti che prelude la possibilità di dissesto per l’ente (ne discuterà il consiglio comunale tra domani e mercoledì) e poi – come diretta conseguenza – l’intenzione del primo cittadino di rassegnare le proprie dimissioni.

Non siamo noi a chiederlo – scrive Crescimbeni in una nota diffusa al termine della conferenza stampa – ma è l’intera città, lasciando però spazio ad una interpretazione sul rischio che le dimissioni di Di Girolamo rientrino dentro un contesto, se possibile, ancora più ampio e confuso. Perché, sostiene l’avvocato ternano, “ancora esistono gruppi all’interno del Partito democratico che chiedono sì le dimissioni, ma scadenzate, in modo tale da poter arrivare a fine consiliatura per porre ordine all’interno del partito e trovare i candidati.

Il sospetto che viene adombrato è che dunque il “valzer” delle dimissioni presentate, richieste e respinte, generi una ulteriore impasse che potrebbe rivelarsi deleteria per Terni. “Si antepone così l’interesse di un partito a quello della città – dice Crescimbeni – Il compito della ricostruzione sarà durissimo, ma il centrodestra non sarà solo in questa opera. Tutti sono certi che non potrà andare che molto meglio rispetto al disastro attuale”.

share

Commenti

Stampa