Citerna, potenziato il corpo di Polizia Municipale - Tuttoggi

Citerna, potenziato il corpo di Polizia Municipale

Redazione

Citerna, potenziato il corpo di Polizia Municipale

Assunto un nuovo agente a tempo indeterminato e rinnovato il parco macchine, il comandante sarà "condiviso" con il Comune di San Giustino
giovedì, 02/05/2019 - 09:34

Condividi su:


Citerna, potenziato il corpo di Polizia Municipale

Finalmente, dopo un iter piuttosto lungo e laborioso, si è portato a compimento uno degli obiettivi ritenuti tra i più importanti dall’Amministrazione comunale di Citerna, il potenziamento del corpo di Polizia Municipale.

A seguito del pensionamento dell’ex comandante e della mobilità in uscita degli ultimi due vigili assunti, si è proceduto dapprima all’emanazione del bando di mobilità per comandante e poi per agente, entrambi andati deserti. Volendo comunque procedere con le nuove assunzioni, è stato bandito il concorso per agente di polizia, arrivato a compimento da pochi giorni, che ha consentito finalmente l’assunzione di un nuovo agente a tempo indeterminato.

Nei mesi scorsi, inoltre, era stato raggiunto un accordo con il Comune di San Giustino per la firma di una convenzione che prevedesse l’utilizzo da parte dei due Enti dello stesso comandante, soluzione già valutata dal Comune di Citerna in modo positivo. L’amministrazione citernese, con questa soluzione, raggiunge l’obiettivo di avere in organico 2,5 unità compreso il comandante e, contemporaneamente, ha rinnovato il parco macchine utilizzando un mezzo confiscato.

L’amministrazione esprime piena soddisfazione “perché questo notevole cambiamento ci consentirà di avere maggiore presenza degli stessi vigili tra i cittadini nelle attività in cui erano stati sempre utilizzati ed anche nei settori posti all’attenzione in quest’ultimo periodo come nel controllo dei rifiuti, per il miglioramento della raccolta differenziata e nella lotta contro l’abbandono, utilizzando anche le nuove fotocamere istallate nel centro di raccolta e le fototrappole nuove mobili che possono essere spostate e localizzate nelle aree maggiormente a rischio”.


Condividi su:


Aggiungi un commento