Navette per Castelluccio, definiti i dettagli | Esplode la polemica

Navette per Castelluccio, definiti i dettagli | Esplode la polemica

Quattro corse al mattino e quattro al pomeriggio sia sabato che domenica, navette gestite dalla Pro loco di Norcia | I castellucciani sul piede di guerra

share

Castelluccio di Norcia torna accessibile a tutti per due giorni, ma soltanto con le navette, in attesa della riapertura reale programmata per il week end successivo. La decisione del Comune di Norcia (che avrebbe voluto riaprire già dallo scorso fine settimana, cosa alla fine non più possibile), però, sta mandando su tutte le furie i castellucciani, che la bollano come volontà di promuovere il turismo da macerie e voler guadagnare da una situazione che provoca da mesi gravi disagi agli abitanti della frazione.

A prendere la decisione di rendere comunque accessibile il Pian Grande di Castelluccio il fine settimana dell’1 e 2 luglio, nonostante la chiusura per lavori ancora della strada provinciale 477, è stato il tavolo tecnico che si è riunito lunedì a Perugia, in Regione. Seguito ieri da un incontro in Comune per definire i vari dettagli. L’amministrazione comunale ha voluto coinvolgere la Pro loco di Castelluccio nell’organizzazione del servizio navetta, che però non ne ha voluto sapere. E gli stessi abitanti della frazione avevano annunciato qualche settimana fa la volontà di ‘boicottare’ la Fioritura contro i ritardi degli enti pubblici nel post terremoto.

Sarà quindi la Pro loco di Norcia – spiega una nota del Comune – a gestire i transfert sabato e domenica. Saranno allestite circa 4 corse al mattino e altrettante il pomeriggio, con orari e costi che saranno definiti e comunicati sul sito del Comune di Norcia e sulla Pagina Facebook.

Vogliamo sperimentare come reagirà la nuova utenza a raggiungere Castelluccio, seppur consapevoli che al momento il borgo è privo dei servizi che erano garantiti fino lo scorso anno – dichiara il vice sindaco Pietro Altavilla – Questo è un modo per ri approcciarsi allo spettacolo unico che la natura ogni anno offre. Per organizzare al meglio il servizio e soddisfare le esigenze – prosegue – si potrà accedere solo su prenotazione”. A tal proposito sarà comunicato oggi anche un numero telefonico per prenotare l’escursione a Castelluccio.

“Al fine di mantenere gli impegni assunti, le Istituzioni hanno fatto il massimo possibile” dichiara il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. “Percorrendo la SP 477 sarà chiaro e palese constatare quali siano le difficoltà oggettive che si incontrano e le relative problematiche che si tenta di risolvere. Con il tempo – prosegue – tenteremo di tornare alla qualità di servizi che Castelluccio poteva offrire”.

Chiunque voglia raggiungere Castelluccio in questo primo week end, – ricorda sente la nota dell’ente – troverà fruibili i servizi dei due agriturismi aperti. E’ consigliabile dunque attrezzarsi, come richiedono le escursioni in montagna e il cambio repentino del clima. In caso di pioggia, sono comunque previste delle strutture sin da ora dove poter trovare riparo. Le zone rosse del centro del paese saranno chiuse e si chiede la collaborazione e senso di responsabilità, nel rispettare i divieti onde evitare di incorrere in denunce penali.


Castelluccio tra attese, timori ed un futuro da scrivere | Frazione viva grazie agli Alpini


Dal prossimo week end sarà invece possibile raggiungere Castelluccio anche con mezzi privati; i servizi di prima necessità e un’altra area parcheggio, oltre quella nei pressi del ‘fontanile’, saranno implementati per migliore l’accoglienza. Il servizio ‘navetta’ sarà disponibile anche nel prossimo week end dell’ 8 luglio, e sarà possibile prenotarsi dunque già a partire da questo fine settimana, al numero di telefono preposto. Prima arriva la prenotazione e più facile sarà per chi gestisce, rispondere alle richieste. “Invitiamo ad usufruire delle navette anche nel prossimo fine settimana. Oggi non possiamo dare delle risposte come fossimo in tempo ordinario – rimarca il sindaco – stiamo cercando di recuperare gradatamente i dettami e le impostazioni relative al PAMS, applicato in via sperimentale lo scorso anno. Chiediamo a tutti di aiutarci visitando il nostro territorio – dice Alemanno – al contempo chiediamo di aver pazienza e spirito di collaborazione se qualcosa non dovesse funzionare al meglio. Già dal prossimo week end saranno aperte altre strutture e saranno erogati ulteriori servizi”.

La polemica, però, nel frattempo esplode su Facebook. Con gli abitanti di Castelluccio che sembrano aver fatto fronte compatto nel chiedere ai curiosi di evitare di salire in montagna. In diversi hanno infatti bollato come una sorta di sciacallaggio la decisione di organizzare le navette per  portare i turisti a vedere la fiorita, mentre i residenti sono impossibilitati a tornare al loro borgo.

share

Commenti

Stampa