Cantalupo-Castelbuono, il 1° maggio presentazione di alcune opere al Parco della Scultura - Tuttoggi

Cantalupo-Castelbuono, il 1° maggio presentazione di alcune opere al Parco della Scultura

Redazione

Cantalupo-Castelbuono, il 1° maggio presentazione di alcune opere al Parco della Scultura

Dom, 28/04/2013 - 10:17

Condividi su:


La Pro-Loco di Cantalupo-Castelbuono, con il patrocinio del Comune di Bevagna, la Regione Umbria, la Provincia di Perugia, la Pro-Loco IAT di Bevagna, la Pro-Loco Torre del Colle, la Comunità dei Monti Martani, Serano e Subasio e la collaborazione del circolo ARCI Baia e l'ANPI promuove mercoledì 1° maggio, alle ore 18:00, la presentazione delle opere scultoree installate nel percorso B del Parco della Scultura di Castelbuono, edizione 2013.

Nota dell'artista Paolo Massei introduttiva dell'evento-

IL SOGNO CONTINUA

A chi di noi non è successo di vedere un artista prendere una tela, posizionarla sul cavalletto, poi prendere un pennello e con i colori lavorare ad un quadro?
Pochi, troppo pochi, invece sanno come si fa una scultura o di quali processi elaborativi ha bisogno l' artista per realizzarla. Innanzitutto, la scultura non è improvvisazione, ma è attraverso un vero e proprio tormento, una vibrazione continua con cui l' artista convive e che giunge da innumerevoli sghizzi, studi, prove e bozzetti all' opera. Perché il significato di un opera non è mai solo nella folgorazione di un attimo, ma è frutto di una continua ricerca e del desiderio di penetrare sempre più a fondo nella materia, di capirne la struttura e le possibili applicazioni o varianti; è uno sprofondare da parte dell' artista nel silenzio della forma.
E così che, immerso nella complessità del processo creativo, lo scultore non è più solo con se stesso: egli è come un profeta che parla agli altri, un messaggero di ritorno da un viaggio nell' idea-forma, che ci regalerà ciò che spesso a noi, abituati all' arte dentro la cornice, non vediamo. Il Parco della Scultura di Castelbuono, nasce proprio dalla necessità di portare la gente a conoscere questa forma d' arte. Sin dalla presentazione della bozza di progetto del Parco della Scultura di Castelbuono, ho sottolineato l' esigenza di allestire mostre o conferenze sulla scultura, con gli artisti che avessero installato una loro opera nel Parco. Far conoscere il loro lavoro le diverse tecniche e i materiali impiegati, infatti crea le condizioni per permettere alla gente del territorio di Bevagna di comprendere la scultura in ogni suo aspetto e rende la popolazione partecipe dello sviluppo del Parco.
Il Parco della Scultura di Castelbuono non è (ne vuole diventare) solo un parco di sculture. Esso nasce da una lingua semplice, contadina, povera, la lingua e la cultura bevanate, dove non sopravvivono, ma vivono le tradizioni, le storie, i suoni, le voci e i buoni sentimenti. Per questo vi invito a visitare il Parco e scoprirete così che seguendo i vari percorsi, ci si può imbattere oltre che in opere scultoree, nei profumi del pane appena cotto; o in quello del fieno, lasciato nei contadini ad asciugare nei campi; o nel vocio dell' operai che vendemmiano il nostro oro, il Sagrantino; o che raccolgono i nostri diamanti verdi, le olive. E se verso sera vi sarete attardati (dato che è facile perdere la cognizione del tempo in questi luoghi) davanti alla bellezza di paesaggi o tramonti, vi può pure capitare di imbattervi o in un gregge che ritorna all' ovile; o di ascoltare le risa di una giovane coppia, che in motorino va a cercare un luogo di poesia nei nostri magici boschi.
Quello di oggi è uno dei momenti più belli e motivati di questi 40 mesi di vita del nostro Parco. E' vero, siamo ancora una piccola creatura, ma se guardo dietro le mie spalle e penso a tutto quello che questa gente è stata capace di realizzare, sono colto dall' emozione: e se guardo avanti verso il futuro mi rendo conto che non è possibile immaginare di affrontare gli impegni e le difficoltà che incontreremo senza il duro lavoro dei volontari e degli artisti, che non dobbiamo mai smettere di ringraziare e che dobbiamo tenere sempre nella giusta considerazione.

PARTECIPERANNO ALLA PRESENTAZIONE:
– Il Sindaco del Comune di Bevagna Dott.ssa Analita Polticchia;
– l'Assessore Provinciale alla cultura Donatella Porzi;
– il Presidente della Pro-Loco Cantalupo-Castelbuono Angelo Palini;
– l'ideatore e curatore del progetto Paolo Massei;
– gli artisti Jelena Panjkovic, Annalisa Guerri, Elisa Lorenzelli, Gennj Trentini, Andrii Doru Emil, Jasmine Pignatelli

INFORMAZIONI
Pro Loco CANTALUPO – CASTELBUONO
info@prolococantalupocastelbuono.com

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!