Bonus edilizia, da oggi cambiano le regole | Allarme di architetti e imprese

Bonus edilizia, da oggi cambiano le regole | Allarme di architetti e imprese

Redazione

Bonus edilizia, da oggi cambiano le regole | Allarme di architetti e imprese

Lun, 07/02/2022 - 12:24

Condividi su:


L'allarme dell'Ordine degli architetti di Perugia sui rischi per la ricostruzione nelle zone terremotate e le proteste di Cna e Confartigianato

Cambiano le regole da oggi (lunedì 7 febbraio) per il bonus edilizia. Il “Decreto sostegni ter” all’articolo 28 (cessioni dei crediti d’imposta e sconto in fattura per lavori di riqualificazione energetica e di messa in sicurezza degli edifici) ha inserito il divieto di cessione multipla di tali crediti d’imposta, nella finalità di avversare le frodi carosello e le operazioni di riciclaggio, per l’effetto limitando una sola cessione da parte dell’impresa agli intermediari finanziari.

Spiega l’architetto Paolo Moressoni, a nome di tutto il Consiglio dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Perugia: “Il settore delle costruzioni, dal 2008 in avanti ha sofferto una grande crisi, ma grazie al Superbonus 110% e alla possibilità di circolazione e monetizzazione del credito d’imposta generato dagli interventi, ha prodotto solo nel corso del 2021 quasi un milione di nuovi posti di lavoro. Tutto il comparto sta crescendo 4 volte più veloce del PIL. O forse occorre dire che ‘stava crescendo’ poiché dopo le disposizioni del cosiddetto decreto ‘Sostegni Ter’ stabilendo che dal 7 febbraio non si potranno vendere più di una volta i crediti fiscali frutto di cessione o sconto in fattura”.

Le critiche degli architetti

Per gli architetti la toppa è peggio del buco. “Gli effetti diretti di questa ‘stretta’ – prosegue Moressoni – sono stati l’immediata chiusura di tutte le operazioni di acquisto del credito d’imposta di alcuni istituti di credito ma soprattutto di Poste Italiane e Cassa Depositi e Prestiti che costituivano i principali riferimenti del mercato. L’effetto ancora più dirompente è il fatto che entrambe le società fanno capo allo Stato. A sottolineare che la misura non è stata gradita è stato per primo il mercato azionario dove il titolo di Poste, subito dopo la chiusura della piattaforma di cessione del credito, ha subito un tonfo del 4%.Perché si è arrivati alla stretta? Perché hanno fatto notizia alcune frodi segnalate da diverse procure della Repubblica tra cui Perugia guidata da Raffaele Cantone. La truffa, da quanto si apprende, ha prodotto il sequestro preventivo di 103 milioni di euro. A causa di questa nuova disposizione sta accadendo che imprese, fornitori e tecnici che, ad oggi sposando l’iniziativa dello Stato sui bonus edilizi, rischiano il fallimento delle proprie attività pur avendo in pancia crediti d’imposta. Inoltre la preoccupazione è rilevante per il fatto che tutti gli operatori da due anni a questa parte hanno fatto rilevanti investimenti in termini di personale, materiali e attrezzature per rispondere alle richieste di tanti cittadini che chiedono di rinnovare ed efficientare le proprie abitazioni”.

Rischio contraccolpo sui lavori del terremoto

“A questo punto – continua – ci si chiede che fine faranno i lavori già avviati, chi pagherà i progetti già in essere, chi sosterrà produttori e fornitori che alimentano la filiera con i propri materiali. Probabilmente, un ulteriore contraccolpo avverrà per la ricostruzione delle aree terremotate del centro Italia. Infatti i contributi erogati dalla Struttura Commissariale per la Ricostruzione sono insufficienti a coprire i costi della ricostruzione degli edifici ed i superbonus costituiscono l’unica salvezza per territori la cui economia è stata fiaccata prima dal sisma e poi dalla pandemia. Che il Premier Draghi non abbia mai gradito i Superbonus è cosa nota, e su questo argomento appare sempre più distante dalla posizione dei partiti politici che invece ne continuano a sostenere la validità. Uno studio commissionato dalla Camera dei Deputati, presentato lo scorso dicembre, ha evidenziato che i Bonus edilizi, a fronte di rilevanti investimenti pubblici, hanno prodotto 4 miliardi di utile per le casse dello Stato. Per lo stesso motivo nei giorni scorsi i tecnici del Senato hanno evidenziato che la misura che blocca le cessioni non può essere a costo zero, come indica la relazione tecnica accompagnatoria del provvedimento, perché produrrebbe la riduzione degli investimenti per mancanza di liquidità. Da quanto è stato dichiarato il ‘blocco del settore avrebbe come conseguenza anche la riduzione delle entrate già contabilizzate nella legge di Bilancio’. Questo senza contare le ricadute in termini di occupazione che come segnalato potrebbero far perdere un milione di occupati. Non è condivisibile che l’incapacità dello stato di provvedere ai controlli debba penalizzare la stragrande maggioranza di cittadini, tecnici ed imprese che operano in completa correttezza”.

Critiche anche dalle associazioni datoriali dell’artigianato e della piccola impresa, per le quali, come per i professionisti, le misure non mettono a riparo dalle frodi e danneggiano il settore.

Cna minaccia azioni di protesta

“Mentre molti cantieri già aperti si stanno bloccando, siamo costretti a prendere in considerazione la possibilità di passare dalla proposta alla protesta, con azioni che interesseranno tutto il territorio regionale, da Perugia a Terni, a Spoleto e Città della Pieve” minacciano Emanuele Bertini e Pasquale Trottolini, rispettivamente presidente e responsabile di Cna Costruzioni Umbria. Che ricordano come solo in Umbria il Superbonus abbia consentito di avviare in pochi mesi oltre 1.800 cantieri, attivando oltre 300milioni di euro di investimenti.

“Rispetto a chi evidenzia l’eccessivo aumento delle imprese di costruzioni registrato negli ultimi otto mesi – aggiunge Trottolini – come associazione riteniamo oramai maturi i tempi per prevedere un percorso di qualificazione partendo dall’accesso alla professione, richiedendo una serie di requisiti tecnici, economici e morali per iniziare l’attività”.

Confartigianato: a rischio 127mila assunzioni

Per Confartigianato Umbria gli stop and go normativi sull’utilizzo dei bonus edilizia e riqualificazione energeticamettono a rischio le assunzioni di 127,000 lavoratori previste dalle imprese del settore nel primo trimestre 2022. Questi i possibili effetti stimati dall’Ufficio studi nazionale dell’associazione. In particolare il superbonus 110%, introdotto con il decreto legge “Rilancio” del maggio 2020, nell’arco di 20 mesi ha subito 9 interventi di modifica, 1 ogni 68 giorni, afferma il Presidente Regionale Anaepa Confartigianato Edilizia Geom. Pierangelo Lanini, trasformandosi in un vero e proprio percorso ad ostacoli per imprese, famiglie, professionisti ed amministratori di condominio.

I segnali negativi, spiega il segretario regionale umbro, Anaepa Confartigianato Fabrizio Ferroni,

arrivano da una sensibile riduzione dei lavori conclusi ammessi a detrazione: a gennaio 2022 ammontano a 1563 milioni di euro, un valore dimezzato ( -46,2%) rispetto ai 2904 milioni di dicembre 2021 (che aveva segnato un +87,5% rispetto a novembre 2021).

“Per scongiurare conseguenze, ancora peggiori – conclude il presidente Lanini – la nostra Confederazione nazionale ha lanciato in questi giorni in tutta Italia la campagna ‘Sbloccare la cessione dei crediti per garantire crescita e lavoro’ nella quale indica i 10 motivi per correggere l’art. 28 del DL Sostegni ter, eliminando le restrizioni alla cessione dei crediti fiscali per l’utilizzo del superbonus, ma prevedendo controlli efficaci contro le truffe”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!