Ast Terni, Fiom-Cgil attacca duro "Troppi incidenti, minacce e intimidazioni a lavoratori" - Tuttoggi

Ast Terni, Fiom-Cgil attacca duro “Troppi incidenti, minacce e intimidazioni a lavoratori”

Luca Biribanti

Ast Terni, Fiom-Cgil attacca duro “Troppi incidenti, minacce e intimidazioni a lavoratori”

"Relazioni sindacali ai minimi storici"
Lun, 11/03/2019 - 14:20

Condividi su:


Mancanza di chiarezza sulle strategie industriali, di risposte ai lavoratori attraverso la contrattazione aziendale, ma non solo. Nella giornata di ieri, in una nota della Fiom-Cgil, le Rsu hanno messo in risalto le criticità che, a loro giudizio, sarebbero presenti all’interno degli stabilimenti di Ast.

In particolare si fa riferimento a “una gestione delle attività quotidiane confusionaria e contraddittoria, aggravata da un sistema di relazioni sindacali ormai ai minimi storici”.

Nella nota sindacale si sottolinea che i numerosi incidente in uno stretto periodo di tempo siano dovuti a “un’organizzazione del lavoro non chiara, con organici e forza lavoro non sempre giustamente dimensionati, ritmi di lavoro a volte esasperati, turni ed orari che spesso si modificano repentinamente, un uso della formazione e dell’affiancamento non regolare ed equilibrato. Tutti fanno tutto e questo poi genera confusione, insicurezza e fa aumentare il rischio dell’errore e dell’infortunio. Il fatto che a fronte degli incidenti accaduti, solo dopo aver sollecitato l’azienda con un comunicato di denuncia e apposite richieste di incontro da parte della RSU sia stato possibile avere la convocazione di incontri sindacali specifici per esaminare l’accaduto, dà il senso della superficialitá presente in azienda e conferma l’inesistente sistema di corrette relazioni sindacali”.

Nella nota si fa poi riferimento a un fatto che, se confermato, sarebbe di estrema gravità. Secondo quanto riportato dal sindacato, infatti, si registrerebbero “atteggiamenti intimidatori e minacce continue di lettere di richiamo e provvedimenti disciplinari: è il leitmotive del momento, in particolare nelle aree produttive dello stabilimento. Così come imperversa un atteggiamento caratterizzato esclusivamente dall’unilateralitá nelle decisioni e nelle scelte. Scelte e decisioni contraddittorie rispetto a ciò che si dice e spesso contraddittorie addirittura nelle modalitá di gestione tra diversi reparti”.

Dubbi anche sulle modalità di riconoscimento di carriera nei confronti dei dipendenti: “É assurdo – conclude la Fiom – che un’azienda propagandi trasparenza e regole certe, ma poi sia la prima che procede unilateralmente a cambi di mansione, riconoscimenti economici, nuovi inquadramenti professionali e avanzamenti di carriera. Se da un lato si sostiene, giustamente, la necessità di procedure trasparenti e si utilizza il job posting come strumento di selezione e valutazione, é incomprensibile come sia possibile che l’assegnazione delle responsabilità e i riconoscimenti professionali dipendano esclusivamente dalla valutazione soggettiva che il capo reparto compie verso le maestranze che in quel momento gestisce”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!