Assisi, una via in memoria di don Aldo Brunacci - Tuttoggi

Assisi, una via in memoria di don Aldo Brunacci

Redazione

Assisi, una via in memoria di don Aldo Brunacci

È in programma per domenica 2 febbraio alle ore 11,30 con ritrovo in piazza San Rufino, la cerimonia di dedicazione di una via di Assisi a don Aldo Brunacci
Ven, 31/01/2020 - 10:46

Condividi su:


È in programma per domenica 2 febbraio alle ore 11,30 con ritrovo in piazza San Rufino, la cerimonia di dedicazione di una via di Assisi a don Aldo Brunacci, già priore della Cattedrale di San Rufino e Giusto tra le Nazioni.

L’iniziativa rientra nel calendario degli eventi collaterali al Giorno della Memoria, organizzato dalla diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino unitamente alla città di Assisi e in collaborazione con l’Opera Casa Papa Giovanni.

“Don Aldo era un buon pastore e un intellettuale – ricorda don Maurizio Saba, suo curatore testamentario – ; legatissimo alla Cattedrale di San Rufino e all’Opera Casa Papa Giovanni, divenuto punto di riferimento per migliaia di pellegrini provenienti da tutto il mondo grazie al Franciscan Pilgrimages Program. È stato assistente diocesano e regionale per l’Azione cattolica e per lo scoutismo dimostrando grande attenzione ed affezione ai giovani. Anche grazie a lui tanti ebrei arrivati in Assisi durante la seconda guerra mondiale sono stati salvati”.

La figura di don Aldo Brunacci, scomparso il 2 febbraio 2007, è quella di un grande sacerdote e studioso vissuto negli anni delle persecuzioni razziali. È stato infatti tra i collaboratori più stretti cui il vescovo Giuseppe Placido Nicolini si rivolse per fronteggiare l’emergenza al momento dell’occupazione tedesca. Ha fondato l’Opera Casa Giovanni, centro di accoglienza e di spiritualità con annessa la libreria Fonteviva. Ha ricevuto la laurea horis causa in lettere umanistiche dall’Università Cardinal Stritch di Milwankee (Stato Wisconsin) e un attestato di speciale “Memoria” dall’Università di Saint Bonaventura di New York per l’attività a favore degli ebrei. Nel 2003 il presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi gli conferì l’onorificenza di Cavaliere di Gran Croce.

“È un atto dovuto la dedicazione di questa via – dichiara Daniela Fanelli, direttore dell’Opera Casa Papa Giovanni – ; abbiamo individuato questo belvedere che si trova dietro l’abside di San Rufino perché don Aldo è stato una grande persona per Assisi, non soltanto per il suo impegno in favore degli ebrei, ma anche per tanti altri meriti come lo scoutismo, l’azione cattolica e l’insegnamento. La città glielo doveva”.

Alla cerimonia di intitolazione della strada interverranno il vescovo monsignor Domenico Sorrentino, che alle 10 presiederà la celebrazione domenicale in cattedrale, il sindaco di Assisi, Stefania Proietti e il direttore dell’Opera Casa Papa Giovanni, Daniela Fanelli.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!