Appello per violenza sessuale, assolto il vocalist accusato da 16enne di Spoleto - Tuttoggi

Appello per violenza sessuale, assolto il vocalist accusato da 16enne di Spoleto

Redazione

Appello per violenza sessuale, assolto il vocalist accusato da 16enne di Spoleto

Confermata la condanna, con pena ridotta, del titolare della discoteca dell'eugubino che abusò della minore
Ven, 08/07/2016 - 18:39

Condividi su:


Oggi, dopo essere stato condannato in primo grado a quattro anni di reclusione, insieme al proprietario della discoteca dell’eugubino nella quale si esibì il capodanno del 2013 e dove, secondo l’accusa entrambi violentarono una ragazzina di 16 anni mentre era ubriaca e non capace di intendere e di volere, è stato assolto. E’ Salvatore Carlucci, meglio noto come Sasà, “The king of Mikonos”, vocalist e animatore dei locali notturni dell’estate mediterranea.

Sorte diversa per il titolare del locale, Gianni Brugnoni la cui condanna è stata  ridotta a 2 anni ed 8 mesi. Per via di un accordo con le parti civili ed un successivo risarcimento alla vittima, i legali della minore e dei genitori non si sono costituiti nel processo d’appello.

Nel processo erano finite altre due persone condannate in primo grado rispettivamente ad un anno e otto mesi, per favoreggiamento: per il primo è arrivata l’assoluzione mentre per il secondo la riduzione consistente della condanna.

Troppo ubriaca per dire di no, troppo ubriaca per scappare e chiedere aiuto, troppo ubriaca per opporre resistenza a quelle avances che i due uomini le hanno fatto nel retro del locale. La giovane, appena 16enne e originaria di Spoleto si è appartata con il vocalist Salvatore Carlucci, noto come Sasà e in questa situazione si è consumato il primo rapporto sessuale.

 “IO, VIOLENTATA IN DISCOTECA”

Ma la ragazzina ha sempre affermato di non averlo desiderato quel rapporto intimo ed anche di non essere riuscita ad opporsi perché sotto l’effetto dell’alcol assunto in maniera eccessiva. Il vocalist, ha sempre dichiarato di non aver aver usato violenza e che la ragazzina fosse consenziente al rapporto. Ma non è tutto, infatti la stessa sera, più tardi, la ragazzina è stata ritrovata in stato di semi incoscienza nei camerini del locale. E’ qui che la giovane ha raccontato di aver subito un secondo rapporto sessuale, anche questo non desiderato, ma questa volta con un uomo molto più grande, il titolare del locale Gianni Brugnoni.

Due verità a confronto che per anni si sono fronteggiate nelle aule del tribunale di Perugia. La ragazza non è stata mai sentita in aula. Secondo il giudice, le dichiarazioni rilasciate nella denuncia e contenute nelle carte delle indagini erano sufficienti e forse è stato un modo per preservarla nonostante il processo fosse rigorosamente a porte chiuse da un’inutile esposizione, dopo il trauma già subito.

– Modificato in base al principio del diritto all’oblio in data 04 dicembre 2017 –

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!