Alberghiero, da Spoleto le linee guida per l’accoglienza turistica

Alberghiero, da Spoleto le linee guida per l’accoglienza turistica

Tavola rotonda con tutti i protagonisti del settore/Ipssart eccellenza italiana/Premiazione Accipe Dulcis

share

Lunedì 12 maggio presso l’Ipssart ” G.De Carolis” di Spoleto si è tenuta la  premiazione del Corso di Eccellenza in Accoglienza Turistica Slow School “Accipe Dvlcis”. Sono stati 3 i gruppi di insegnamento interessati, in ognuno dei quali 3 studenti per classe si sono classificati ai vertici dell’eccellenza per il lavoro svolto in gruppo. Le classi partecipanti erano le I e II dell’Enogastronomico e le III-IV e V dell’Accoglienza Turistica.

In una delle sale conferenze dell’Istituto si sono riuniti tutti gli studenti coinvolti, i professori e molti degli ospiti iscritti alla importante Tavola Rotonda che ha preceduto le premiazioni del corso.

 Organizzata dallo stesso Alberghiero e da Renato Andreoletti, direttore del mensile Hotel Domani, sul tema “Per un nuovo Rinascimento europeo e mondiale. L’Italia della biodiversità storica e culturale per l’Europa dei popoli contemporanea”, la tavola rotonda si proponeva di affrontare  alcuni argomenti di base per la valorizzazione del servizio tecnico-turistico ma sopratutto sviscerare il tema della “accoglienza turistica”, da cui il titolo del corso Accipe Dulcis ( accogli dolcemente),  in prospettiva di una “rinascita” economica non soltanto per Spoleto ma per l’intero paese.

In effetti, nell’introduzione del Dott. Andreoletti, il valore assoluto ed inestimabile  del patrimonio museale e culturale italiano e l’assoluta mancanza di cura e progettualità (emblematici sulla questione anche gli ultimi servizi giornalistici di Report sui principali musei italiani ndr.), sono stati i tratti caratteristici di un discorso appassionato e competente. Andreoletti è considerato un pò il guru del turismo italiano ed è sempre in giro per l’Italia a parlare di nuovi progetti. Uno di questi riguarderà anche Spoleto e si è concretizzato nella giornata di ieri con la firma del protocollo d’intesa tra Ipssart, ConSpoleto, Federalberghi della Provincia di Perugia e mensile Hotel Domani dello stesso Andreoletti, per fare si che ogni anno si tenga in città un convegno tecnico di grande spessore, che faccia il punto sul settore. Il progetto è stato definito “Spoleto agorà del Turismo”.

Tra i relatori intervenuti molto apprezzato l’intervento di Sergio Gabrielli – Human Resources Manager Hotel Intercontinental de La Ville Roma (Gruppo IHG), il quale non ha mancato di ricordare alla platea quanto sia ormai elevato il livello di preparazione dei ragazzi diplomati che escono dall’Alberghiero di Spoleto. Gabrielli ha ricordato un curioso aneddoto relativo al  primo incontro avuto con la scuola spoletina. Conoscendo altre realtà simili italiane, il manager si era preparato ad evadere la richiesta di visita del prestigioso hotel in meno di mezzora per non creare imbarazzi ai clienti con giovanotti caciaroni e poco educati. Ed invece alla vista di un “plotoncino” di studenti ordinatissimi nella loro divisa scolastica alla cui guida c’era il Prof. Andrea Martoglio, notoriamente piuttosto esigente alla forma e alla presentazione professionale dei suoi studenti, Gabrielli si è rapidamente ricreduto compiendo un giro dell’hotel durato poi due ore piene, invece della mezzoretta calcolata all’inizio.

All’Ipssart di Spoleto sono molte le collaborazioni importanti con il mondo del lavoro, e questo rende molto concreto l’approccio dello studente che non appena avuta la base teorica può subito calarsi nelle realtà degli stage certificati e garantiti dalla stessa scuola.

Al tavolo dell’incontro, infatti, anche Felice Di Donato – Direttore Operativo Eden Hotels (Eden Viaggi srl). Per intenderci il capo di quei personaggi  della pubblicità televisiva di Eden che con il metro vanno a misurare i letti delle loro strutture. Giovanissimo, Di Donato ha spinto l’acceleratore sull’orgoglio di “corpo” di coloro che studiano all’Alberghiero, cercando di sfatare il mito della scuola che ti da solo un mestiere. Oggi occorre avere ben chiaro  quanto la soddisfazione del cliente per il prodotto turismo-cultura, produce effetti positivi nella creazione di nuove realtà economiche.

Passione, orgoglio e disponibilità sono poi stati tratti comuni dei discorsi di Damocle Magrelli – Consigliere Federalberghi Provincia di Perugia (Magrelli Ospitalità) e di Luciano Manunta – Presidente Nazionale Associazione Italiana Impiegati d’Albergo (AIRA).

Discorsi anche in controtendenza, come quello fatto sull’esperienza personale di Magrelli, che rivendicando la sua formazione umanistica, ha ammesso che in alcuni casi il personale delle sue strutture non proviene dalla formazione alberghiera ma da ambiti scolastici diversi, come ad esempio alcuni laureati in filosofia. Una provocazione, apparente, che svela subito invece l’apprezzamento per i passi in avanti fatti nella formazione degli istituti professionali di settore, fino ad arrivare ai livelli di eccellenza di Spoleto. Una responsabilità per tutti gli attori dell’Ipssart, siano essi i professori i dirigenti  o gli studenti stessi, che hanno l’obbligo di mantenere sempre elevato lo standard della scuola.

Lo ricordano nel loro intervento sia Luciano Manunta, che spiritosamente cita un passo del Viaggio in Italia di Goethe descrittivo dell’accoglienza del tempo ( intorno ai  primi dell’800 il locandiere era un mestiere per farabutti) che Vittorio De Martino – Presidente Onorario Associazione Direttori d’Albergo (ADA) –Hotel Invest Italiana srl, il quale offre spunti di riflessione sulle motivazioni forti che devono essere sempre alla base di una professione, tanto più quella del servizio all’ospite turistico.

Prima delle premiazioni degli studenti e della firma del protocollo d’intesa c’è stato il tempo per alcune domande ed interventi in sala, sia da parte di ex-professori di prestigio dell’Istituto come Domenico Gioia e Giovanni Martoglio, colonne dell’insegnamento dell’Istituto sin dai primi anni di vita dello stesso, che anche da parte di ex studenti oggi affermati professionisti in realtà importanti di Italia.

C’è da dire che la Spoleto dell’accoglienza alberghiera, ha risposto tiepidamente all’importante e qualificato incontro, nonostante nello stesso fossero coinvolti i vertici delle loro associazioni di categoria e professionali. Ulteriore dimostrazione di una scarsa attenzione ai progetti realmente costruttivi, ma anche di una grande confusione legata alla mancanza di indirizzi precisi nel settore, vessato da mille norme burocratiche e da abusivismi e concorrenze sleali. C’è un grande lavoro da fare e questo passa attraverso la valorizzazione, o meglio la strenua difesa, di ciò che riconosciuto da tutti gli addetti ai lavori come un valore indispensabile: la formazione scolatica e professionale dell’Ipssart.

Dopo la premiazione degli studenti e la firma del protocollo è seguito un Brunch, naturalmente made  in Ipssart.

Ecco tutti i nomi degli studenti premiati al Corso “Accipe Dvlcis” ed i professori responsabili dei Gruppi di Lavoro

GRUPPO 1
CLASSI PRIME ENOGASTRONOMICO
COORDINATRICE
PROF.SSA ANTONELLA ADORNETTO

1° VASQUEZ MARIA LUZ – 2°PUCCIOTTI LORENZO -3° MAGNARICOTTE VANESSA

GRUPPO 2
CLASSI SECONDE ENOGASTRONOMICO
COORDINATORE
PROF. SIMONLUCA ANTIMIANI

1° SEMERARO ANGELO- 2° RONDINELLA GIORGIO- 3° MAGRINI GABRIELE

GRUPPO 3

III ACCOGLIENZA TURISTICA SEZ. A-B

IV ACCOGLIENZA TURISTICA SEZ. A
V TURISTICO SEZ. B

COORDINATORE
PROF. ANDREA MARTOGLIO

1° PIAZZA ALICE -2° PAGLIARI FRANCESCO – 3° CAMMARATA MARINA

Riproduzione riservata

share

Commenti

Stampa