A Corciano torna il premio Riccardo Romani

A Corciano torna il premio Riccardo Romani

Premio dedicato al prof scomparso a 33 anni | Il tema di quest’anno è “I servi della gleba del XX secolo”, sabato mattina la presentazione dei progetti degli studenti


share

Cosa hanno in comune lo studio della storia e l’amore per la musica? Erano le due grandi passioni di Riccardo Romani, docente di storia e filosofia morto ad appena 33 anni, a causa di un male incurabile, il 2 febbraio 2014. Per ricordare Riccardo e le sue passioni, la famiglia e i suoi amici cinque anni fa hanno istituito un Premio dedicato ai ragazzi delle superiori.

Ogni anno il Premio proporne un argomento della Storia con cui gli studenti delle quinte classi del liceo si cimentano presentando i risultati di un’attività di ricerca svolta insieme ai loro docenti di storia e filosofia.

Quest’anno il tema scelto è “I servi della gleba del XX secolo. Storie di ordinario sfruttamento e prevaricazione. La mezzadria come sistema economico, organizzazione sociale e strumento di controllo politico delle classi dominanti sulle classi subalterne rurali”.

La giornata del Premio Riccardo Romani si svolgerà sabato 18 maggio in due momenti nel Teatro della Filarmonica di Corciano. Nella mattinata ci sarà la presentazione dei progetti degli studenti del Liceo Scientifico Galeazzo Alessi di Perugia con uno spettacolo di ricerca e documentazione storica, testimonianze, filmati, musica e teatro, realizzati dagli studenti delle classi 5°E e 4°E con il coordinamento del professor Walter Toppetti.

In serata, in onore della passione di Riccardo per la musica, si svolgerà un concerto che tradizionalmente è dedicato ad un tributo di un cantautore o un gruppo musicale di successo. Quest’anno sul palco saliranno i Magic Play – tributo ai Coldplay – che proporranno una scelta delle migliori canzoni della band britannica. La serata si terrà in collaborazione dell’Associazione Culturale “Humus Sapiens” e l’incasso sarà devoluto a “Uno in più” Associazione Sindrome Down Corciano.

Informazioni su http://www.premioriccardoromani.com/

(Nelle immagini le foto storiche e quelle del lavoro di ricerca fatto dagli studenti)

share

Commenti

Stampa