Vus, aggiornamento sull’emergenza idrica in Valle Umbra

Vus, aggiornamento sull’emergenza idrica in Valle Umbra

Nella maggior parte del territorio si riesce ad assicurare la fornitura, alcune difficoltà in zone limitate

Le temperature elevate che non si attenuano neanche di notte, i numerosi eventi in corso nel territorio (sagre e feste varie) stanno facendo registrare notevoli aumenti dei consumi. Il sistema di acquedotti gestito da Valle Umbra Servizi nel suo complesso sta fronteggiando la situazione, ma si stanno verificando cali dei livelli dei serbatoi in alcune zone.

In particolare, nel comune di Giano dell’Umbria e Gualdo Cattaneo, per consentire il riempimento notturno dei serbatoi e garantire la fornitura dell’acqua durante il giorno, sarà necessario chiudere i serbatoi di Bastardo e Collesecco. Conseguentemente in queste località l’erogazione dell’acqua sarà interrotta dalle 22 alle 6; situazione analoga con chiusure notturne a Castel Ritaldi.

Nel Comune di Montefalco inoltre si stanno registrando aumenti importanti dei consumi di oltre 300/400 mc al giorno in più rispetto alla media del periodo. Per avere un’idea dell’aumentata richiesta, è come se a Montefalco in questo fine settimana fossero state presenti 12.500 persone contro i 5.700 abitanti normalmente residenti. Questi incrementi straordinari stanno svuotando il “fungo” e non si escludono quindi chiusure notturne anche in questo Comune, estese a tutto il territorio.

Il Sindaco di Montefalco ha emanato un’ordinanza che vieta l’uso a fini non potabili (irrigazione di orti e giardini, riempimento di piscine, lavaggio di automezzi e di strade) e farà controlli per assicurarne il rispetto.

Tenendo conto che le previsioni meteorologiche non annunciano a breve piogge o cali significativi delle temperature, la Valle Umbra Servizi raccomanda un uso responsabile dell’acqua in tutto il territorio per evitare che anche altre zone vadano in crisi idrica.

Stampa