Mega furto di 160 pneumatici, individuata e denunciata la “banda delle gomme”

Mega furto di 160 pneumatici, individuata e denunciata la “banda delle gomme”

Il colpo da 80mila euro circa fu perpetrato alla “Pesa Gomme” di Gubbio due anni fa esatti, nei guai 5 pugliesi

Sono passati due anni precisi da quando, nella notte tra l’11 ed il 12 febbraio 2014, era stato perpetrato un mega furto di circa 160 pneumatici da autocarro, per un valore di 80mila euro circa, ai danni della ditta “Pesa Gomme” di Gubbio. Da una prima ricostruzione dei fatti era emerso chiaramente che il furto era stato operato da un considerevole numero di persone le quali, dopo essersi introdotte all’interno dell’azienda, avevano parcheggiato un grosso tir a fianco della rete di recinzione, da dove hanno poi fatto fuoriuscire i pneumatici da caricare sul grande mezzo.

Oggi le immediate indagini attivate, ed in particolare l’approfondito studio del traffico telefonico registrato sul luogo del colpo, hanno confermato l’ipotesi investigativa e hanno finalmente permesso di identificare i probabili autori. È stata, infatti, individuata un’intera “batteria” di ladri: un gruppo di pugliesi della provincia di Foggia insieme ad un certo soggetto di Jesi (AN), tutti già noti alle Forze di Polizia per analoghi reati.

A conclusione della lunga e articolata indagine sono stati denunciati in stato di libertà il 31enne G.R., residente a Jesi (AN); il 43enne D.M., il 47enne S.V. ed M.S., tutti residenti a Cerignola; il 31enne C.G. residente a Vieste.

I reati contestati vanno dall’associazione a delinquere, alla commissione di un numero indeterminato di delitti di natura patrimoniale, fra i quali:  furto perpetrato in danno della ditta Pesa gomme di Gubbio; furto di 113 cingoli in gomma per macchine edili ed altro, per un valore complessivo di circa 52milaeuro, presso una ditta di Forlì; furto di 80 pneumatici di varie misure presso una ditta di Bedizzole (BS); furto di oltre 200 pezzi tra pneumatici e cerchi, per un valore di circa 41mila euro, presso una  ditta di Rovigo.

Agli indagati è stato recentemente notificato l’avviso della conclusione delle indagini preliminari emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Perugia, nella persona del Dott. Mario Formisano, che ha coordinato tutta l’indagine. Inoltre, grazie al lungo monitoraggio dei soggetti da parte dei Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile della Compagnia di Gubbio, che hanno condotto l’intera indagine, i militari della Legione Marche hanno da tempo operato l’arresto di 7 persone, in due distinte operazioni.

Stampa