La tecnologia entra nelle aule, presentato progetto “Scuola 2.0”

La tecnologia entra nelle aule, presentato progetto “Scuola 2.0”

In arrivo attrezzature informatiche di ultima generazione in tutte le scuole primarie di Gualdo Tadino, Presciutti ” Per un approccio sistemico degli studenti alle nuove tecnologie”

E’ stato presentato ieri (martedì 5 dicembre), nell’Aula Magna della Scuola Media “Franco Storelli”, l’innovativo progetto “Scuola 2.0” (il primo in Umbria rivolto agli istituti primari), che permetterà a tutte le scuole primarie di Gualdo Tadino, nel triennio 2017/2019, di essere dotate di attrezzature informatiche di ultima generazione, per realizzare le cosiddette “aule didattiche mobili” complete di schermo interattivo, tablet e un software collaborativo, che consentiranno agli studenti di essere aggiornati con le più moderne tecnologie.

Il progetto voluto dall’Amministrazione Comunale, è stato elaborato dal settore Politiche Sociali e Culturali in collaborazione con la dirigenza dell’Istituto Comprensivo, ed è stato finanziato al 100% dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, che nell’ambito del proprio Documento Programmatico triennale 2017/2019 ha messo a disposizione complessivamente 87 mila euro (per l’anno in corso la somma di euro 29mila) per l’acquisto delle attrezzature.

Alla presentazione sono intervenuti i rappresentanti della Fondazione Carisp, il sindaco Massimiliano Presciutti, l’assessore alla Scuola Emanuela Venturi, la dirigente Scolastica dell’Istituto Comprensivo Francesca Pinna e la coordinatrice didattica Maria Paola Gramaccia. “Un progetto – ha sottolineato Presciuttinato proprio in questa scuola pochi mesi fa, con la Fondazione Carisp e gli organi scolastici. In sinergia abbiamo costruito una progettualità che ha portato in tempi celeri oggi a presentare l’avvio del primo step del Progetto ‘Scuola 2.0’. Ringrazio la Carisp e il suo presidente Giampiero Bianconi che ha subito ha sposato questo progetto innovativo rivolto alle scuole primarie, che consentirà di dare una grande opportunità ai nostri ragazzi. Un progetto al momento unico in Umbria per quanto riguarda le scuole primarie, che permetterà di educare i giovani studenti all’informatica applicata all’istruzione, preparando i ragazzi ad un approccio sistemico delle nuove tecnologie”.

Questo progetto – dichiarano dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia – è l’esempio che in Italia le cose funzionano quando la volontà tra privato, pubblico e scuola coincide”. “Ringrazio – conclude la dirigente scolastica Francesca PinnaFondazione Carisp e Comune per l’avvio di questo progetto. La dotazione di questi strumenti nelle nostre scuole consentirà di aprire dei veri e propri laboratori digitali che consentiranno agli alunni di utilizzare le più moderne tecnologie con la collaborazione dei docenti, che formeranno i ragazzi nel modo migliore. Parliamo di strumenti che alleggeriscono il lavoro di apprendistato degli studenti”.

Stampa