Vini del Mondo, buona la prima e organizzatori soddisfatti

Vini del Mondo, buona la prima e organizzatori soddisfatti

La formula ha funzionato, ora si pensa anche ad un festival itinerante

share

“Vini del Mondo è andato talmente bene, che siamo già al lavoro per organizzare delle ‘special edition’ nel periodo estivo, autunnale ed invernale in diverse location.. La vera scommessa, che abbiamo vinto, è stata proprio quella di pensare ad una nuova, grande manifestazione e portare a Foligno un altro evento di assoluta qualità”.

Cristiana Mariani, vicepresidente della Confesercenti territoriale di Foligno e presidente dell’Officina dei Talenti, traccia un bilancio soddisfacente, sia dell’edizione numero uno di Vini del Mondo, che della quarta edizione di Cibi del Mondo.

“Peccato per le condizioni meteo avverse e ancor di più per le previsioni nefaste – sottolinea la Mariani – detto questo, abbiamo registrato comunque un grande afflusso di pubblico, esperti e semplici appassionati, moltissimi giovani, e un’alta percentuale di visitatori provenienti dall’area di Roma, dall’alto Lazio, dalla bassa Toscana e dalle vicine Marche. E’ il segnale che siamo riusciti ad intercettare il giusto target – fa notare l’organizzatrice – in un settore in qualche modo saturo per l’Umbria. Foligno grazie all’originale ed innovativa formula di Vini del Mondo, si è conquistata subito, a pieno titolo, una posizione protagonista”.

Il doppio evento Cibi del Mondo e Vini del Mondo si è guadagnato, per il secondo anno consecutivo l’autorevole Patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole ed Alimentari, e da questo anno, è stato anche selezionato nell’ambito del Progetto Europeo Medfest per la valorizzazione del Patrimonio Gastronomico del Mediterraneo.

“Per Cibi del Mondo abbiamo scelto di proporre meno stand e di investire ancora di più sulla qualità e sull’originalità – spiega Cristiana Mariani – i piatti tipici indiani, il sushi, le specialità di Svezia, Danimarca, Norvegia e Finlandia sono stati particolarmente apprezzati, così come le tipicità del sud Italia. Tra i fiori all’occhiello di questa edizione – aggiunge – vorremmo segnalare gli spettacoli delle danze indiane, lo yoga e le campane tibetane, nonché il prestigioso corso degustazione della Maison Chapoutier, con la presenza dell’ambasciatore della stessa maison. Un appuntamento di spessore internazionale”.

L’idea di fondo resta sempre quella di separare i due eventi, e di organizzare Vini del Mondo in un altro periodo rispetto a Cibi del Mondo, ferma restando la possibilità di poterlo proporre oltre che a Foligno, anche in altre realtà umbre e fuori regione.

 

share

Commenti

Stampa