Vini del Mondo, buona la prima e organizzatori soddisfatti - Tuttoggi

Vini del Mondo, buona la prima e organizzatori soddisfatti

Claudio Bianchini

Vini del Mondo, buona la prima e organizzatori soddisfatti

La formula ha funzionato, ora si pensa anche ad un festival itinerante
Mar, 08/05/2018 - 17:47

Condividi su:


“Vini del Mondo è andato talmente bene, che siamo già al lavoro per organizzare delle ‘special edition’ nel periodo estivo, autunnale ed invernale in diverse location.. La vera scommessa, che abbiamo vinto, è stata proprio quella di pensare ad una nuova, grande manifestazione e portare a Foligno un altro evento di assoluta qualità”.

Cristiana Mariani, vicepresidente della Confesercenti territoriale di Foligno e presidente dell’Officina dei Talenti, traccia un bilancio soddisfacente, sia dell’edizione numero uno di Vini del Mondo, che della quarta edizione di Cibi del Mondo.

“Peccato per le condizioni meteo avverse e ancor di più per le previsioni nefaste – sottolinea la Mariani – detto questo, abbiamo registrato comunque un grande afflusso di pubblico, esperti e semplici appassionati, moltissimi giovani, e un’alta percentuale di visitatori provenienti dall’area di Roma, dall’alto Lazio, dalla bassa Toscana e dalle vicine Marche. E’ il segnale che siamo riusciti ad intercettare il giusto target – fa notare l’organizzatrice – in un settore in qualche modo saturo per l’Umbria. Foligno grazie all’originale ed innovativa formula di Vini del Mondo, si è conquistata subito, a pieno titolo, una posizione protagonista”.

Il doppio evento Cibi del Mondo e Vini del Mondo si è guadagnato, per il secondo anno consecutivo l’autorevole Patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole ed Alimentari, e da questo anno, è stato anche selezionato nell’ambito del Progetto Europeo Medfest per la valorizzazione del Patrimonio Gastronomico del Mediterraneo.

“Per Cibi del Mondo abbiamo scelto di proporre meno stand e di investire ancora di più sulla qualità e sull’originalità – spiega Cristiana Mariani – i piatti tipici indiani, il sushi, le specialità di Svezia, Danimarca, Norvegia e Finlandia sono stati particolarmente apprezzati, così come le tipicità del sud Italia. Tra i fiori all’occhiello di questa edizione – aggiunge – vorremmo segnalare gli spettacoli delle danze indiane, lo yoga e le campane tibetane, nonché il prestigioso corso degustazione della Maison Chapoutier, con la presenza dell’ambasciatore della stessa maison. Un appuntamento di spessore internazionale”.

L’idea di fondo resta sempre quella di separare i due eventi, e di organizzare Vini del Mondo in un altro periodo rispetto a Cibi del Mondo, ferma restando la possibilità di poterlo proporre oltre che a Foligno, anche in altre realtà umbre e fuori regione.

 

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!