Terni, omicidio neonato | Rito abbreviato e perizia psichiatrica per la madre - Tuttoggi

Terni, omicidio neonato | Rito abbreviato e perizia psichiatrica per la madre

Luca Biribanti

Terni, omicidio neonato | Rito abbreviato e perizia psichiatrica per la madre

Il giudice del Tribunale di Terni ha accolto le richieste della difesa
Lun, 04/02/2019 - 16:41

Condividi su:


Terni, omicidio neonato | Rito abbreviato e perizia psichiatrica per la madre

“Omicidio volontario aggravato” del figlio neonato questa l’accusa nei confronti della mamma di 28 anni, Giorgia Guglielmi, che questa mattina è apparsa davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Terni, Federico Bona Galvagno, per la prima udienza del processo a suo carico.

L’udienza di oggi è durata il tempo di accogliere la richiesta della difesa e di aggiornare la successiva seduta, la seconda di un processo che potrebbe portare a una condanna di massimo 30 anni per la donna ternana. Tramite i suoi legali, gli avvocati Alessio Pressi e Attilio Biancifiori, è stata formalizzata una richiesta di rito abbreviato, condizionato da una perizia psichiatrica richiesta dalla difesa e che verrà eseguita, con la formula dell’incidente probatorio, dal dottor Massimo Di Genio al quale verrà conferito l’incarico nell’ambito della prossima udienza fissata al 4 marzo.

La Guglielmi, secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, avrebbe infatti agito da sola, dopo aver nascosto la gravidanza al compagno, un muratore cittadino albanese di 27 anni, e alla prima figlia di appena 2 anni. Avrebbe dato alla luce il piccolo nella vasca da bagno della propria abitazione, pulito e nascosto tutto, per poi nascondere il feto in una busta della spesa, all’interno del quale il corpicino ha trovato la morte nella torrida sera del 2 agosto 2018, abbandonato nel parcheggio di un supermercato alla prima periferia della città.

La donna, che ha confessato agli inquirenti quanto accaduto, sostiene che la sua famiglia non avrebbe avuto i mezzi necessari per mantenere il nuovo nato e che l’avrebbe abbandonato nella speranza che qualcuno lo trovasse e lo ‘adottasse’. Circostanza, quella dell’indigenza, che non risulterebbe del tutto compatibile con quanto risulta dalle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica che aveva chiesto e ottenuto la custodia cautelare in carcere nella casa circondariale di “Capanne”, Perugia.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!