Terni, mercoledì di nuovo consiglio comunale | Pd “Incongruenza su voti maggioranza”

Terni, mercoledì di nuovo consiglio comunale | Pd “Incongruenza su voti maggioranza”

Il 18 e 19 luglio nuova seduta del consiglio, ma su Ferranti i voti della maggioranza espressi nella prima seduta non bastano

Il consiglio comunale è stato convocato nelle giornate di mercoledì 18 e giovedì 19 luglio ore 15.30 a Palazzo Spada per l’elezione del presidente e dei vice presidenti del consiglio comunale per due distinte sedute. Nel caso infatti non si dovesse raggiungere la maggioranza richiesta dei due terzi il primo giorno, nel quale è fissata la seconda votazione ( la prima si era svolta nella seduta di giovedì 12 luglio), si passerà alla terza votazione per la quale è richiesta la maggioranza assoluta, giovedì 19 giugno.

Intanto il gruppo consiliare del Pd esrpime, in una nota, una propria valutazione sull’andamento e sull’esito della seduta di giovedì 12: “Il gruppo consigliare del Partito Democratico, intende sottolineare rispetto al primo voto per l’elezione del Presidente del Consiglio comunale, l’incongruenza tra le preferenze espresse nei confronti del candidato di maggioranza e i consiglieri di centrodestra presenti. I voti espressi in favore del candidato di centrodestra non hanno raggiunto neanche il quorum necessario per la maggioranza assoluta, necessaria al terzo scrutinio”.

“Auspichiamo altresì – continua la nota – che l’elezione del Presidente del consiglio comunale avvenga in tempi congrui, per l’avvio dei lavori del plenum consigliare e delle commissioni, successivi alle sedute di insediamento. Infine, augurando buon lavoro a tutti gli eletti, Sindaco, consiglieri ed assessori, desideriamo rimarcare sulla procedura di convalida, che il nostro operato, è teso al richiamo dei valori di correttezza e di trasparenza amministrativa, su cui più volte è stata chiesta attenzione nelle precedenti consigliature. L’opposizione del gruppo consigliare del Partito Democratico, sarà svolta con fermezza e responsabilità, ma anche con propositività sui temi di interesse collettivo”.

Stampa