Terni, giorni 'di fuoco' per ospedale e 'vertenza sanità' | Presidio sotto Prefettura - Tuttoggi

Terni, giorni ‘di fuoco’ per ospedale e ‘vertenza sanità’ | Presidio sotto Prefettura

Luca Biribanti

Terni, giorni ‘di fuoco’ per ospedale e ‘vertenza sanità’ | Presidio sotto Prefettura

Mer, 06/07/2022 - 10:32

Condividi su:


Sanità e ospedale, domani presidio sotto la Prefettura organizzato dai sindacati. Ospedale 'si difende' da attacchi politici

Lo scorso 4 luglio Cgil, Cisl e Uil hanno incontrato il sindaco di Terni, Leonardo Latini, per fare il punto sulla situazione dell’ospedale di Terni e la sanità ternana. Secondo quanto riferito dalle organizzazioni sindacali sono stati affrontati vari problemi; quello infrastrutturale (magari pensando ad un progetto di rigenerazione urbana nel quartiere dove è oggi situato il Santa Maria); mantenere i due livelli di aziende ospedaliere distinti tra Terni e Perugia; garantire l’alta specialità dell’ospedale di Terni attraverso integrazione di primariati, assunzioni di personale e qualità delle prestazioni; la possibilità di fare il nuovo ospedale di Terni attraverso fondi pubblici, come avvenuto per gli altri ospedali umbri.

Focus su sanità e presidio sotto la Prefettura

Più in generale i sindacati hanno ribadito “la non condivisione delle scelte
di indirizzo politico che la giunta regionale sta compiendo su questi temi caratterizzate da un’idea di accentramento, allontanamento dal territorio e privatizzazione di alcuni servizi
– come si legge in una nota congiunta – e di promuovere un’azione politica
per rafforzare la territorialità, non arretrare sui servizi dei distretti rafforzando presidi e
rete dei Medici di Medicina Generale”
. Nel ricordare che “la “vertenza sanità” andrà avanti” i sindacati hanno annunciato che Giovedì 7 Luglio avrà luogo un presidio presso la prefettura di Terni a partire dalle ore 9,30 per poi trasferire il punto di vista delle organizzazioni sindacali e delle cittadine e dei cittadini al Prefetto.

Letti in corsia e acqua razionata, ospedale smentisce

Intanto l’ospedale deve ‘difendersi’ anche dagli attacchi della politica. Nella giornata di ieri, 5 luglio, il M5S ha diffuso una nota stampa nella quale si legge: “Basta aumentare di poco i ricoveri per mandare in crisi l’intero sistema. Mancano procedure e controlli che consentano di gestire al meglio i pazienti, ormai costantemente parcheggiati nei corridoi – e ancora – Cosa ben più grave se fosse confermata, quella relativa al razionamento dell’acqua che starebbe creando non pochi problemi. Una situazione in cui sembra siano gli infermieri a dover andare a comprare l’acqua dai distributori automatici perché l’ospedale la eroga in maniera insufficiente”. In merito a questa supposizione del M5S, che sarebbe stato meglio verificare prima di rendere di dominio pubblico, l’ospedale di Terni ha replicato con una secca smentita: “l’Azienda Ospedaliera precisa che non corrisponde a verità che al Santa Maria sia stata razionalizzata l’acqua”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!