Tamponi pit stop, sabato tocca ai farmacisti di Terni - Tuttoggi

Tamponi pit stop, sabato tocca ai farmacisti di Terni

Redazione

Tamponi pit stop, sabato tocca ai farmacisti di Terni

Dopo l'iniziativa che ha coinvolto oltre 100 medici di base, sabato si replica con i tamponi rinofaringei a 200 farmacisti
Gio, 28/05/2020 - 14:40

Condividi su:


Tamponi pit stop, sabato tocca ai farmacisti di Terni

Dopo gli oltre cento tamponi “pit stop” che hanno coinvolto medici di base e pediatri, ora è la volta dei farmacisti. L’iniziativa è ancora una volta promossa dall’Usl Umbria 2 insieme all’Ordine dei farmacisti della provincia di Terni. Saranno eseguiti tamponi rinofaringei in modalità “pit stop” a circa 200 farmacisti del distretto locale.

Anche in questo caso l’adesione è su base volontaria e prevede che siano gli stessi farmacisti a recarsi autonomamente, sabato 30 maggio a partire dalle ore 8, nel punto sanitario allestito in strada di Cardeto, una traversa di viale Bramante, nell’ampio parcheggio sopra la sede dell’Omceo, per l’esecuzione dei test in modo rapido e sicuro, senza scendere dall’auto.

L’iniziativa, promossa in collaborazione con la Regione Umbria e che ha ricevuto un vivo apprezzamento dall’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto, vede impegnati l’Ordine dei Farmacisti della provincia di Terni, il distretto sanitario della Usl Umbria 2 di Terni, il Comune di Terni (Polizia Municipale), la Protezione Civile con il fondamentale supporto del Laboratorio di microbiologia dell’Azienda Ospedaliera “Santa Maria” di Terni e dell’Istituto Zooprofilattico di Perugia.

La campagna di screening che interessa le categorie a rischio – spiega il commissario straordinario della Usl Umbria 2 dr. Massimo De Fino – consente di monitorare lo stato di salute di professionisti che si trovano ad operare tutti i giorni a stretto contatto con i cittadini. Abbiamo replicato l’iniziativa in modalità ‘drive through’ che ci consente, attraverso l’ottimizzazione dei tempi, operazioni rapide in totale sicurezza sia per i nostri operatori sanitari che per gli stessi professionisti sottoposti a controllo”.


Condividi su: