Susanna Tamaro dona alla Fondazione Luca & Katia Tomassini il Macintosh utilizzato per “Va’ dove ti porta il cuore” - Tuttoggi

Susanna Tamaro dona alla Fondazione Luca & Katia Tomassini il Macintosh utilizzato per “Va’ dove ti porta il cuore”

Redazione

Susanna Tamaro dona alla Fondazione Luca & Katia Tomassini il Macintosh utilizzato per “Va’ dove ti porta il cuore”

Il 12 dicembre all’Auditorium di Orvieto la scrittrice incontra amici e lettori per festeggiare insieme il suo compleanno, 30 anni di carriera, 30 libri pubblicati e 30 anni di vita nell’Orvietano
Mar, 10/12/2019 - 16:01

Condividi su:


Susanna Tamaro dona alla Fondazione Luca & Katia Tomassini il Macintosh utilizzato per “Va’ dove ti porta il cuore”

Sarà un evento celebrativo a tutto tondo, per festeggiare insieme il compleanno, i 30 anni di carriera, i 30 libri pubblicati e i 30 anni della sua scelta di vivere nelle campagne nell’Orvietano, quello che la famosa scrittrice SUSANNA TAMARO si appresta a condividere Giovedì 12 DICEMBRE presso l’Auditorium Vetrya Corporate Campus, dovealle ore 17.00 Susanna Tamaro incontrerà amici e lettori nell’appuntamento Buon compleanno Susanna! Inserito nel programma delle manifestazioni “A NATALE REGALATI ORVIETO!” promosso dal Comune di Orvieto e nel calendario della rassegna letteraria “IL LIBRO PARLANTE 2019” organizzata dalla Libreria dei Sette – Giunti al Punto.

Susanna Tamaro ha deciso di festeggiare al Vetrya Corporate Campus di Orvieto, azienda leader nel settore dello sviluppo di servizi per le telecomunicazioni e contenuti multimediali, queste tappe significative della sua vita, per sottolineare con un dono particolare il legame tra la sua espressività artistica e lo strumento che adopera per comporre le proprie opere.

Nel corso della celebrazione, infatti, la scrittrice triestina donerà alla Fondazione Luca & Katia Tomassini il computer Macintosh originale del 1992 da lei utilizzato per scrivere il suo romanzo più noto e best-seller internazionale “Va’ dove ti porta il cuore”.

Tale dispositivo, fa sapere la Fondazione Luca & Katia Tomassini, andrà così a sommarsi alle numerose opere esposte presso il Vetrya Corporate Campus di Orvieto, che coniuga arte e tecnologia come esaltazione delle espressioni creative di cui è capace l’essere umano.

Ho sempre scritto i miei primi libri a mano: il pensiero fluiva con rapidità e niente si infrapponeva tra me e la pagina scritta – afferma Susanna Tamaroil secondo passaggio obbligato era quello di ricopiare tutto con la macchina da scrivere. Un lavoro improbo e infinito, con tanto di bianchetti, pagine strappate e correzioni continue. Quando però, nel 1990, mi venne regalato il primo computer – un Macintosh con memoria estraibile su dischetto – scoprii la comodità di unire la fluidità e l’ordine in un solo passaggio. Non ho mai voluto separarmi da quel primo Mac, ma adesso che ho conosciuto lo straordinario lavoro di Luca e Katia Tomassini, che con il loro Corporate Campus di Orvieto, hanno saputo regalare al mondo virtuale nuove visioni e nuove sfide, sono felice che il mio vecchio computer possa lasciare la cantina in cui era relegato e far compagnia ad altri dispositivi digitali che testimoniano la velocità con cui il progresso tecnologico galoppa verso il futuro”.

Alle ore 17.30 seguirà il concerto della pianista Maestra Elisa Casasoli chesuonerà i seguenti brani di: Franz Schubert da Drei Klavierstucke, Allegretto in Mi bemolle maggiore; Ludwig van Beethoven Sonata opera 90 e Claude Debussy dalla Suite Bergamasque, Prelude.

Ingresso libero previa prenotazione a m.chiolle@vetrya.com.

Nata a Trieste nel 1957, Susanna Tamaro ha iniziato la sua attività letteraria nel 1981 con il primo libro, “Illmitz”, seguito altri romanzi e racconti. Nel 1989 la sua prima pubblicazione “La testa fra le nuvole”, vince il premio Elsa Morante Opera Prima. Nello stesso anno lascia Roma per trasferirsi nell’Orvietano. Il successo internazionale arriva nel 1994, con il best-seller “Va’ dove ti porta il cuore” che, con due milioni e mezzo di copie nel solo primo anno e quattordici milioni di copie vendute fino a oggi nel mondo, è divenuto nel tempo il libro italiano di maggior successo del secolo, portato sul grande schermo da Cristina Comencini nel 1995.

Aggiungi un commento