La storia centenaria dell'Ac Città di Castello rivive in un museo permanente - Tuttoggi

La storia centenaria dell’Ac Città di Castello rivive in un museo permanente

Davide Baccarini

La storia centenaria dell’Ac Città di Castello rivive in un museo permanente

Sab, 21/05/2022 - 10:24

Condividi su:


Il museo è stato ricavato e allestito all’interno della sede degli “Amici della piazza” nel loggiato Bufalini ed è stato dedicato a Siviero Sensini, tanti i volti noti presenti al taglio del nastro che hanno fatto la storia del club

I quasi 100 anni di storia dell’AC Città di Castello tornano a vivere nel loggiato Bufalini, con un museo permanente, inaugurato ieri (20 maggio) e dedicato allo storico per eccellenza che ha raccontato i biancorossi in ben due libri, Siviero Sensini.

La cerimonia di inaugurazione, voluta dal comitato promotore “Ex biancorossi A.C. Città di Castello” coordinato da Fiorenzo Luchetti, ha visto in prima fila gli ex calciatori di quella epopea come Edoardo Giorgi, Sandro Tosti, Olinto Forlucci, Luigi Bogliari, Guido Savini, Roberto Borsi, Adriano Banelli, Giuliano Mambrini, Stefano Bacchi, Lucio Bernardini, Giuseppe Bernicchi, Giancarlo Marini, Carlo Magnani e Francesco Panfili, ma anche tanti ex dirigenti e tifosi di sempre.

Il museo è stato ricavato e allestito all’interno della sede degli “Amici della piazza”, che hanno dato la loro massima disponibilità a condividere lo stesso spazio, da ieri riempito di magliette storiche, cimeli, documenti, trofei, centinaia di foto e gagliardetti dal 1919 al 2005. I locali saranno anche sede di eventi ed incontri aperti a tutti ed in primo luogo ai tanti tifosi della maglia biancorossa, che hanno da sempre gioito e sofferto per sostenere la squadra tifernate.

Al taglio del nastro erano presenti tanti ex calcatori arrivati da varie parti d’Italia che hanno indossato in varie epoche la maglia biancorossa (fra cui Federico Giunti e Lucio Bernardini) e tanti ex dirigenti (le famiglie Renzacci, Caldei e Bacchi). Soprattutto sono state raccolte anche parole importanti come quelle di Silvano Ramaccioni, in collegamento da Milano, che ha iniziato la sua carriera di dirigente sportivo e team-manager proprio dall’AC Città di Castello e poi al Perugia e al Milan, dove l’ha conclusa all’insegna di successi storici. Il “Rama” ha salutato con soddisfazione la bellissima iniziativa, nata in maniera ammirevole con il desiderio di “voler costudire ricordi, testimonianze e cimeli del passato glorioso biancorosso in una sede prestigiosa nel cuore della città dove i tifosi potranno avere da ora un punto di riferimento”.

Un grazie è stato poi rivolto all’amministrazione comunale per la sensibilità dimostrata nel concedere questo spazio, ma sono stati lo stesso sindaco Luca Secondi, con l’assessore allo Sport Riccardo Carletti e diversi altri amministratori, a rivolgere il loro ringraziamento a chi ha voluto questa iniziativa, “che ha ridato visibilità alla gloriosa storia dell’AC Città di Castello e aver scelto di intitolarlo a Siviero Sensini davvero un nome immortale nella storia del calcio tifernate“.

Ringrazio tutti coloro che a vari livelli hanno collaborato alla buona riuscita di questa iniziativa spontanea e sentita, in particolare alla famiglia Sensini, per aver concesso il prezioso materiale di archivio che costituisce le fondamenta di un progetto in cantiere aperto al contributo di tifosi e amanti del calcio, ai soci dell’associazione Amici della Piazza al Comune di Città di Castello e a Mario Casacci, storico collaboratore biancorosso che ha fattivamente lavorato all’allestimento della sede”, ha dichiarato Fiorenzo Luchetti subito dopo il taglio del nastro.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!