Sparatoria Terni, fermati 2 fratelli albanesi per tentato omicidio / Si cerca un complice / Usato un fucile per caccia al cinghiale - Tuttoggi

Sparatoria Terni, fermati 2 fratelli albanesi per tentato omicidio / Si cerca un complice / Usato un fucile per caccia al cinghiale

Luca Biribanti

Sparatoria Terni, fermati 2 fratelli albanesi per tentato omicidio / Si cerca un complice / Usato un fucile per caccia al cinghiale

Sono accusati di aver tentato di uccidere un connazionale con colpi di fucile / Fondamentale sinergia tra Carabinieri e Polizia
Mar, 08/07/2014 - 10:09

Condividi su:


Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa, nella questura di Terni in Via Antiochia, per fornire i dettagli riguardo l’agguato avvenuto nella notte del centro cittadino, seguito dall’arresto di due fratelli albanesi: Ftony Roland classe ’88 ,e Blertmir Roland classe ’90.

Determinanti le riprese delle telecamere nei dintorni della zona, e la testimonianza di un altro albanese che, nella caserma dei carabinieri, ha raccontato tutto quello che ha visto da una distanza ravvicinata.

Presente alla conferenza anche il procuratore della Repubblica di Terni, dott. Cesare Martellino, che ha sottolineato la sinergia tra le forze di polizia e l’arma dei carabinieri, fondamentale per l’arresto dei due albanesi.

 I fatti – Lo stavano aspettando da diverse ore, nascosti all’interno di un palazzo; questo è quello che emerge dalle riprese di alcune telecamere della zona, vagliate dagli inquirenti.  Mentre erano in attesa, una terza persona, ancora da identificare, ha portato loro l’arma con cui avrebbero dovuto compiere il delitto: un fucile utilizzato solitamente per la caccia al cinghiale.

Poi, intorno alle 2.00, l’agguato: all’arrivo della vittima i due fratelli sono usciti dal palazzo e quello con in braccio il fucile gli ha sparato colpendolo per tre volte al tronco; in seguito sono rientrati nel palazzo e li si sono rintanati.

Le forze dell’ordine sono arrivate immediatamente, avvertiti da una segnalazione di alcune persone allarmate dai colpi di sparo, e hanno piantonato l’area irrompendo all’interno del palazzo dove hanno prelevato i due fratelli, ma senza trovare l’arma utilizzata.

Come hanno confermato le immagini delle telecamere, i due fratelli non sono più usciti dal palazzo dopo l’agguato, quindi si pensa che il fucile sia ancora nascosto all’interno del palazzo.

Oltre alle riprese, i due fratelli sono stati inchiodati anche dalla testimonianza di un altro albanese presente sul posto, che avrebbe assistito da una distanza di una ventina di metri a tutta la scena. Dopo molta reticenza, i carabinieri sono riusciti ad ottenere da lui le informazioni necessarie per l’identificazione dei due fratelli. Gli inquirenti sono  alla ricerca del terzo complice che non è ancora stato identificato.

 Le motivazioni ed i retroscena del tentato omicidio sono ancora tutte da scoprire, si sospetta una regolazione dei conti in quanto il 35enne, vittima dell’agguato, ha partecipato a quel  tentato omicidio risalente al 22 ottobre 2013, di via Proietti Divi.

Cronaca di Luca Battaglini – Le foto sono di Federica Pucino ©

 —————————————–

Nella tarda serata di ieri sera sono stati sottoposti a fermo di indiziato di delitto due fratelli albanesi, poiché ritenuti autori del tentato omicidio di un loro connazionale verificatosi nel centro cittadino di Terni nel corso della notte tra il 6 ed il 7 luglio. L’operazione di polizia giudiziaria è stata svolta dalla Squadra Mobile in collborazione con il Reparto Operativo dei Carabinieri. Oggi, alle ore 12.00, si svolgerà in Questura una conferenza stampa, cui parteciperà il dott. Cesare Martellino, Procuratore della Repubblica di Terni, dove verranno forniti tutti i dettagli dell’operazione.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!