Si conclude oggi la "Settimana Verde" per 50 appassionati di Foligno - Tuttoggi

Si conclude oggi la “Settimana Verde” per 50 appassionati di Foligno

Redazione

Si conclude oggi la “Settimana Verde” per 50 appassionati di Foligno

Sette giorni di piacevoli escursioni in ambiente dolomitico
Sab, 26/08/2017 - 10:49

Condividi su:


Si conclude oggi la “Settimana Verde” per 50 appassionati di Foligno

Si conclude domani domani in Val di Fassa (m. 1450) la “settimana verde” estiva, che ha visto impegnati 50 cittadini di Foligno e di altre località umbre in piacevoli escursioni di montagna .

L’iniziativa è parte del ricco programma annuale delle attività sportive naturalistiche organizzate dall’Associazione Uisp “Orme – Camminare Liberi” di Foligno.

“Anche quest’anno – ha dichiarato il presidente dell’Associazione “Orme – Camminare liberi” Rodolfo Cherubini – è stato possibile avvicinare tanti nuovi soci all’escursionismo, grazie alla collaudata formula della ‘settimana verde’, che ha consentito a tutti i partecipanti la quotidiana possibilità di scegliere tra diverse tipologie di camminate, in base al proprio livello e e grado di preparazione.”

Gli escursionisti folignati hanno, infatti, potuto effettuare 12 escursioni di diverso impegno e difficoltà, compreso un trekking urbano nella città di Bolzano

Base di partenza per la “sette giorni montana” in ambiente dolomitico è stata la nota località turistica di Campitello di Fassa, da dove ogni giorno i camminatori folignati hanno potuto raggiungere attraverso un’ampia offerta sentieristica i più suggestivi scorci dell’intero arco alpino.

Le escursioni, una per i principianti ed una seconda più impegnativa per camminatori provetti, son sempre state accompagnate da due esperte guide: Rodolfo Cherubini e Francesco Proietti,

I percorsi hanno portato i 50 partecipanti alla scoperta delle bellezze naturali delle Dolomiti, ma anche alla visita del Museo della Grande Guerra, il museo più in alta quota d’Europa, allestito con grande competenza e amore dal nostro concittadino, dott. Mario Bartoli.


Condividi su:


Aggiungi un commento